Cronaca
stampa

Caso malaria, i Nas tornano in ospedale a Trento

In settimana si terranno i funerali della piccola Sofia in forma strettamente privata.

I Nas sono tornati questa mattina all'ospedale Santa Chiara di Trento per sequestrare altro materiale che potrebbe essere utile all'inchiesta aperta dalla Procura del capuologo (che indaga parallelamente a quella di Brescia) in seguito alla morte per malaria della piccola Sofia, la bambina di 4 anni deceduta agli Spedali Civili di Brescia dopo essere stata ricoverata, inizialmente per diabete, prima in Veneto, all'ospedale di Portogruaro, e poi a Trento.
Prosegue quindi la raccolta di elementi che potrebbero aiutare alla soluzione di un caso molto complesso. Il materiale biologico sequestrato è stato trasportato in un laboratorio specializzato nel veronese. I carabinieri sono usciti dall'ospedale in tarda mattinata con una piccola scatola di cartone sottobraccio e un contenitore frigorifero.

Saranno necessari comunque ancora alcuni giorni per avere le prime risultanze dell'inchiesta. Si attendono infatti i primi riscontri dagli esami del materiale biologico  su cui si concentrano i periti nominati dalla Procura assieme agli ispettori dell'Istituto superiore di sanità per verificare se il ceppo del parassita sia lo stesso fra i campioni prelevati alle due bambine del Burkina Faso ricoverate nello stesso periodo.

Intanto nei giorni scorsi la familia ha chiesto rispetto e silenzio nell'annunciare in settimana i funerali della piccola Sofiai in forma strettamente privata.  

Caso malaria, i Nas tornano in ospedale a Trento
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento