Cronaca
stampa

Sfruttamento e lavoro in nero in Valsugana

Un'azienda agricola di Levico Terme nei guai: per anni ha sfruttato 3 lavoratori bosniaci senza garantire eque condizioni di lavoro e di vita.

Al limite della schiavitù: è la situazione denunciata dalla Fia Cisl in cui hanno vissuto 3 lavoratori agricoli bosniaci, assunti da una azienda di Levico.  Costretti a vivere in due roulotte fatiscenti, sporche e al freddo, dormendo per terra, con la possibilità di lavarsi solo una volta alla settimana e rigorosamente con l’acqua fredda. Sfruttati e sottopagati facevano più di 270 ore al mese di lavoro, in busta paga però ne risultavano solo 39 ore; pagate 4,50 euro. Naturalmente senza ferie pagate, permessi ed infortuni.

L’azienda agricola Levico Terme, consolidata, conosciuta e senza nessun problema economico, dovrà ora rispondere di evasione fiscale e contributiva e di una somma di circa 100 mila euro che i tre non hanno avuto come regolare retribuzione. Da valutare i danni per una situazione in cui è stata negata la dignità della persona.

Sfruttamento e lavoro in nero in Valsugana
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento