Cronaca
stampa

Sparatoria a Caldonazzo, sfiorata la strage

Gli inquirenti hanno trovato nell'auto di Hormann 100 proiettili, un coltello e anche una balestra. Domani udienza di convalida dell'arresto. 

E' prevista domani in Tribunale a Trento l'udienza di convalida dell'arresto per Ivan Hormann, il 47enne di Mezzolombardo autore della sparatoria martedì mattina nello studio dei commercialisti Pola di Caldonazzo. La Procura chiede l'applicazione della custodia cautelare in carcere a fronte del rischio di recidiva e fuga. Tra le accuse: tentato omicidio, sequestro di persona e detenzione illegale di armi.

Gli inquirenti stanno ricostruendo nel dettaglio il quadro in cui è maturato il disperato gesto dell'uomo, che aveva ricevuto lo sfratto per aver occupato “senza titolo apparente” l'appartamento andato all'asta per il quale aveva pagato 30mila euro di caparra, poi persa.

Gli investigatori sono al lavoro per confermare o meno l'ipotesi secondo la quale Hormann volesse uccidere. A bordo della sua auto infatti sono stati rinvenuti cento proiettili, un coltello e una balestra con dardo modificato, forse esplosivo. Avrebbe potuto compiere una strage. 

Sparatoria a Caldonazzo, sfiorata la strage
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento