Economia&lavoro

Il reddito disponibile delle famiglie trentine in difficoltà viene integrato fino a un livello minimo da 6.500 a 11.400 euro annui, in base al nucleo. Mediamente l'importo percepito è di 200 euro al mese. Non c’è da arricchirsi, ma per le 10.340 famiglie che ne beneficiano è un’àncora di salvezza.

I punti a favore del progetto Qualità Trentino fortemente voluto e sostenuto dall’assessore competente (maggiori vendite, maggiori introiti, tasse che entrano nell’erario provinciale) sono stati bene evidenziati nel recente incontro al Muse.

Via libera a 200 veicoli ogni ora dalle 10 alle 16 con il pass. “Abituiamoci a salire con i mezzi pubblici o con gli impianti”, dicono gli assessori di Trento e Bolzano. Insoddisfatti gli operatori turistici e gli ambientalisti.

Il quotidiano trentino L'Adige è di proprietà del gruppo editoriale Athesia di Bolzano, che già possiede la maggioranza della proprietà del giornale Trentino, il Dolomiten e numerose altre testate, oltre ad avere interessi in altri ambiti, come l’energia e le telecomunicazioni.

Una lettera aperta al presidente della Camera dei Deputati, l’on. Roberto Fico, e una richiesta di incontro per testimoniare quanto accade nel settore del porfido trentino: è l’ultima carta giocata in ordine di tempo dal Coordinamento Lavoro Porfido (Clp).

L’interesse e l’entusiasmo per il progetto - ribattezzato in inglese «Garda by bike» - è tale che il taglio del nastro di sabato scorso si è presto trasformato in un evento mediatico mondiale.

Mette al centro il cittadino la nuova modalità per la gestione on-line della compilazione della richiesta di atti edilizi, battezzata “Peo – Pratiche edilizie online”, che il Consorzio dei Comuni Trentini presenterà venerdì 20 luglio alle 17.30 presso la sede del Consorzio in via Torre Verde a Trento.

La riscoperta nella vite selvatica di geni andati perduti nei processi di domesticazione offre la possibilità di trasferirli con le moderne biotecnologie alla vite europea. Il miglioramento genetico potrebbe in altri termini conferire alla vite domestica maggiore resilienza (capacità di reazione) alle sfide del cambiamento climatico, al deficit idrico, alle alte temperature e agli attacchi di patogeni.

C’erano tutte le premesse climatiche per chiudere la stagione vitivinicola 2018 con un calo di quantità e qualità di uva causato da attacchi non controllati di peronospora. Le piogge continue e persistenti hanno favorito un anticipo di infezioni.

Il Pastificio Felicetti apre le porte dell'azionariato all'Istituto Atesino di Sviluppo (Isa), per continuare a crescere e sostenere l'investimento di circa 28 milioni di euro per la realizzazione del nuovo stabilimento produttivo di Molina di Fiemme.

A poco più di un anno e mezzo dal lancio, sono già più di 34.000 le adesioni all’offerta luce e gas ideata dal mondo della cooperazione con Dolomiti Energia.

Per la Giunta comunale di Mori c'è da “investire” sulla Banca della Terra. Si tratta della formula, istituita da una legge provinciale, che crea un inventario di terreni pubblici e privati, abbandonati o sottoutilizzati, dichiarati disponibili dai proprietari per la temporanea assegnazione a chi che ne fa richiesta per recuperarli.

Fino al 31 luglio il cicloconcorso "Trentino pedala", promosso dall'Assessorato alle infrastrutture e ambiente - Servizio sviluppo sostenibile e aree protette, si arricchisce della nuova iniziativa “In bici al lavoro”.

Nel corso di WebValley, Fbk e Codipra (Consorzio di difesa produttori agricoli di Trento) hanno dato vita a un momento di confronto per scoprire le possibili applicazioni e potenzialità dell’intelligenza artificiale all’agricoltura.

Le start-up, cioè le nuove imprese basate su un’idea innovativa e pronte a crescere rapidamente, sono un buon termometro dello spirito imprenditoriale esistente in un Paese. In Italia queste neonate eccellenti formano un gruppo vispo, ma ancora gracile.

E’ stato approvato giovedì 28 giugno dall’Assemblea dei soci il bilancio d’esercizio 2017 di Trentino Sviluppo. Il documento contabile chiude un’annata particolarmente densa di attività con un utile di 408 mila euro.

Un gruppo di ricercatori della Fondazione Mach coordinato da Fulvio Mattivi è riuscito ad ottenere risultati importanti sul metabolismo delle molecole bioattive presenti nelle mele.