Politica & Società

stampa

Un appello per la tutela della biodiversità delle specie autoctone di ape è stato sottoscritto stamattina a San Michele all’Adige da autorevoli esponenti della ricerca scientifica e da personalità di rilievo dell’apicoltura dell’ambientalismo. Le parole di Paolo Fontana, ricercatore della Fondazione Edmund Mach e primo estensore della Carta di San Michele.

Un appello per la tutela della biodiversità delle specie autoctone di ape è stato sottoscritto stamattina a San Michele all’Adige da autorevoli esponenti della ricerca scientifica e da personalità di rilievo dell’apicoltura dell’ambientalismo. Le parole di Andrea Segrè, presidente della Fondazione Edmund Mach.

Il 4 marzo 2018 si svolgeranno le elezioni politiche. Gli elettori italiani saranno chiamati alle urne per eleggere i nuovi deputati e senatori del Parlamento. Il tutorial ufficiale sulla modalità di voto per le elezioni politiche 2018 (vedi: http://www.interno.gov.it/it/galleria-video/tutorial-ufficiale-elezioni-politiche-2018-modalita-voto).

Pessimisti, ottimisti… o credenti?
“Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla!”. Siamo stanchi e demoralizzati. Tu, Gesù, avrai anche belle parole da dire, ma noi ce ne torniamo a casa a mani vuote. Altro che un futuro sereno, altro che fiducia o speranza...

I lettura: Isaia 6,1-2a.3-8;
II lettura: 1Corinzi 15,1-11;
Vangelo: Luca 5,1-11

A Rovereto la Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato, domenica 17 gennaio, in occasione dell’Anno Santo della misericordia è diventata “Giubileo dei migranti”. Un intenso pomeriggio di incontro e di festa all’insegna della convivenza e dell’integrazione tra i popoli, a cui hanno partecipato centinaia di persone di diverse provenienze. I migranti, i richiedenti asilo, le associazioni di volontariato, il sindaco Francesco Valduga, don Beppino Caldera direttore del Centro missionario di Trento e della Fondazione Migrantes, il decano mons. Sergio Nicolli hanno sfilato da piazza Loreto per le vie del centro storico fino alla chiesa di San Marco.

A Trento quasi un migliaio di persone alla “Marcia delle donne e degli uomini scalzi”, svoltasi in contemporanea in più di sessanta città d'Italia, per chiedere alle istituzioni italiane ed europee di elaborare una strategia differente in materia di migrazioni.

Venerdì 24 luglio il Consiglio provinciale di Trento dibatte la mozione dell'opposizione che propone il ritiro delle deleghe all’assessora alla sanità Donata Borgonovo Re. Quest'ultima si trattiene con il capogruppo PD Alessio Manica. La mozione sarà poi respinta. Sabato 25 mattina il Presidente Rossi annuncia: il nuovo assessore alla sanità è Luca Zeni (Pd).

Venerdì 24 luglio il Consiglio provinciale di Trento dibatte la mozione dell'opposizione che propone il ritiro delle deleghe all’assessora alla sanità Donata Borgonovo Re. Quest'ultima si trattiene con il capogruppo PD Alessio Manica. La mozione sarà poi respinta. Sabato 25 mattina il Presidente Rossi annuncia: il nuovo assessore alla sanità: è Luca Zeni, compagna di partito di Donata Borgonovo Re.

Domenica 10 maggio 2015 si vota dalle 7 alle 21 in 142 comuni del Trentino e in 109 comuni dell’Alto Adige per eleggere sindaci e consigli comunali. Ma quali sono le modalità di voto? Lo spiega il servizio di "La Provincia informa".

Alla vigilia dell'anniversario dell'inizio dell'esodo albanese (6 marzo 1991), la testimonianza di tre migranti accolti in Trentino alla caserma “Degol” di Strigno: “Davvero, la nostra fu un'odissea della speranza”, dicono 24 anni dopo, riconoscendosi nelle foto di Gianni Zotta pubblicate su Vita Trentina nel numero del 17 marzo 2015.

Chiara Avanzo, presidente del Consiglio regionale, alla vigilia dell'elezione del Presidente della Repubblica, tratteggia il profilo del nuovo inquilino del Quirinale, rivendica il ruolo della Regione, promuove Rossi e Kompatscher e scommette sulla tenuta della coalizione di maggioranza in Regione.

Quindici studenti provenienti dalle baraccopoli e dai quartieri poveri di Nairobi stanno completando percorsi universitari nella capitale del Kenya grazie all’aiuto della Provincia di Trento e della Cooperazione Trentina. L’organizzazione beneficiaria dell'intervento è la ong Koinonia di Nairobi, fondata da padre Kizito Sesana.