Meridiani

Secondo Stefano Graiff (Centro Astalli Trento), “Rappresentano un modello virtuoso di accoglienza un'opportunità di gestire in modo diverso il fenomeno migratorio, i flussi di ingresso in Italia regolari e accompagnati, evitando il traffico di esseri umani”.

Tre aprile 2018: a Ginevra, in Svizzera, i Paesi donatori promettono di destinare più di 2 miliardi di dollari Usa per sostenere l'erogazione di aiuti umanitari urgenti a milioni di persone nello Yemen.

In Brasile l’assassinio di Marielle Franco, attivista per i diritti umani, è la classica goccia che fa traboccare il vaso.

Scontri tra manifestanti palestinesi ed esercito israeliano lungo la barriera tra Gaza e lo stato ebraico durante la “Marcia per il ritorno”, indetta da Hamas. Sono morte 17 persone e almeno 1.400 sono rimaste ferite.

Viene presentato martedì 10 aprile alle 20.30, al supercinema Vittoria di Trento, il film Alganesh – All'orizzonte una speranza, realizzato da Aurora Vision su incarico del Centro Missionario Diocesano di Trento.

Il Rapporto 2018 “Don’t bank on the bomb” (“Non investire nella bomba”) registra il massiccio aumento di 81 miliardi di dollari in nuovi investimenti a favore della produzione di armi nucleari nel 2017, rispetto al 2016. 20 aziende beneficiano maggiormente dell'aumento delle minacce nucleari.

Da una decina d’anni, per due-tre settimane all’anno, il dottor Claudio Dutto, 63 anni, madre rivana e papà umbro, affermato dentista di Riva del Garda, svolge attività a sue spese in un orfanotrofio a Ukunda in Kenya, presso l’Ukunda Dental Clinic.

Il rigassificatore offshore che Zagabria vorrebbe costruire presso l’isola di Veglia (Krk) è al centro di un dibattito che si sta facendo sempre più acceso.

Quella delle mutilazioni genitali femminili (MGF) è una pratica ancora molto diffusa in Africa. Formalmente vietata, ma assai praticata. Una pratica che è anche una tradizione, delle peggiori.

Tacciano le armi e taccia anche “tanto giornalismo di parte”: a chiederlo sono le monache cistercensi della Stretta Osservanza (Trappiste) in Siria. Della guerra in Siria vista con gli occhi dei profughi in Libano racconta l’inviato dell’agenzia Sir Daniele Rocchi, accompagnando una delegazione di Caritas. E si rilancia la proposta di pace dei profughi siriani in Libano.

Profughi a Belgrado, tra vecchi e nuovi flussi. Ne scrive, dalla capitale della Serbia, Belgrado, Francesca Rolandi per l'Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa (OBC).

Jacob Zuma se n’è andato. Ha dovuto andarsene sull’onda di una rabbia popolare che rischiava di travolgere tutto l’African National Congress (Anc), il movimento di liberazione nazionale di Nelson Mandela che si è trasformato - dopo la fine del regime segregazionista razzista bianco - in partito pigliatutto in Sudafrica.

È di pochi giorni fa la notizia dell'assegnazione a David Grossman del prestigioso Premio Israele per la Letteratura che viene assegnato dallo Stato alle personalità più influenti e rappresentative della società israeliana. Il Sir lo ha intervistato.

Dopo la chiusura forzata del Santo Sepolcro a Gerusalemme, non si placa la protesta delle tre Chiese responsabili della basilica - il Patriarcato greco-ortodosso, la Custodia di Terra Santa e il Patriarcato armeno -, contro la decisione del Comune di Gerusalemme che reclama dalle Chiese (e non solo) il versamento delle tasse comunali sugli immobili non adibiti al culto.

A Trento sul palco della Cooperazione trentina una decina di rappresentanti di paesi “a limitate risorse” ha discusso su come migliorare le cure materno-infantili. Sono paesi che hanno ancora preoccupanti tassi di mortalità materno-infantile.

Nella Giornata mondiale di preghiera per la pace, voluta da papa Francesco venerdì 23 febbraio e destinata in particolare all’Africa, in cattedrale a Trento è risuonata la testimonianza di suor Maria Martinelli.

La Diocesi di Trento sosterrà gli uffici legali attivati in Pakistan per difendere i cristiani, e in generale chiunque sia minacciato nelle libertà fondamentali, come il diritto a professare la propria religione. L’annuncio nella chiesa di San Pio X a Trento, venerdì sera 16 febbraio durante la testimonianza del dottor Paul Bhatti.

Quattro diversi soggetti – le associazioni Dokita del Trentino - Alto Adige e Speranza-Hope for Children con sede ad Arco, Noi-Tuenno, l’azienda Giacca Srl di Trento – hanno unito le intelligenze e le forze per dare vita a un progetto destinato a cambiare, in positivo, la vita di un bel numero di bambini e bambine a Lagos, in Nigeria. L’iniziativa è stata presentata la settimana scorsa all’oratorio parrocchiale di Tuenno.