Politica&Società
stampa

Verso il voto del 21 ottobre per il rinnovo del Consiglio provinciale

Ultima chiamata

Giorni decisivi per le elezioni provinciali del 21 ottobre: qualche accordo in zona Cesarini. Entro il 20 settembre si deve definire il candidato presidente e la “squadra” dei possibili consiglieri.

Parole chiave: asadasd (71)
Il sorteggio delle liste

Giorni decisivi per le elezioni provinciali del 21 ottobre: qualche accordo in zona Cesarini

La prima strettoia è stata superata il 7 settembre con la presentazione dei simboli di lista (vedi a lato), ma entro il 20 settembre si deve definire il candidato presidente e la “squadra” dei possibili consiglieri. C'è ancora tempo teoricamente per qualche accordo in zona Cesarini o per “convincere” qualche nome pesante a cambiare casacca.

Gli ultimi dieci giorni hanno registrato forti scossoni nel centrosinistra autonomista: il Patt ha confermato di voler correre da solo con il presidente uscente Ugo Rossi, mentre nell'Alleanza del centrosinistra autonomista e popolare si sono registrati vari colpi di scena. Il candidato presidente Carlo Daldoss presentatosi insieme a varie realtà civiche (che poi lo hanno sfiduciato) ha lasciato il tavolo dell'Alleanza, anche a seguito della scelta del PD di puntare sull'ex senatore Giorgio Tonini che è stato preferito a Paolo Ghezzi per pochi voti dall'assemblea del PD. L'ex direttore de L'Adige ha confermato appoggio a Tonini con la propria formazione Futura 2018, dalla quale però si sono sfilati Leu che lanciano insieme a Rifondazione Comunista e L'Altro Trentino a sinistra come candidato presidente Antonella Valer.

Scossoni anche nel parlamentino dell'UPT, dove la scelta di Tonini a guida dell'Alleanza ha spaccato il partito.

I Cinquestelle hanno deciso da tempo: corrono con il consigliere uscente Filippo Degasperi.

Nel centrodestra il candidato presidente Maurizio Fugatti ha lanciato la sua candidatura sostenuta da nove liste ( Lega Nord, Agire, Associazione Fassa), Udc e Centro Popolare, Progetto Trentino, Autonomisti popolari, Forza Italia, Civica Trentina, Fratelli d’Italia); qualche polemica è legata alla presenza di Claudio Civettini, a suo tempo uscito dalla Lega.

Completano il quadro altre due candidature personali: Roberto De Laurentis con Tre, il movimento politico da lui fondato, e dall'ex parlamentare autonomista Mauro Ottobre che si presenta con la lista Autonomia Dinamica dopo aver visto sfumre l'accordo con Daldoss. Ma il quadro completo sarà possibile solo a liste chiuse, con le relative firme (per le nuove formazioni) da raccogliere in tempi utili.

Ultima chiamata
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento