Il tagliacarte
stampa

Il tagliacarte

Capo Rizzuto docet

Cosa insegna l'indagine della magistratura sul “Cara” (Centro Accoglienza Richiedenti Asilo) di Isola Capo Rizzuto che ha documentato interessi mafiosi sul sistema di accoglienza a cui collaborava anche il referente per la Calabria delle Misericordie?

Parole chiave: Territorio (14238)

Cosa insegna l'indagine della magistratura sul “Cara” (Centro Accoglienza Richiedenti Asilo) di Isola Capo Rizzuto che ha documentato interessi mafiosi sul sistema di accoglienza a cui collaborava anche il referente per la Calabria delle Misericordie? In primo luogo che “Le grandi grandi strutture di accoglienza non soltanto violano la dignità e i diritti delle persone migranti, ma costituiscono anche un forte fattore di attrazione per interessi illeciti e criminali. È ovvio che appalti con importi elevati e gestiti con procedure non trasparenti aprono un’autostrada per le organizzazioni criminali e mafiose”. Col tagliacarte abbiamo tagliato e qui incollato la nota del CNCA (Coordinamento Nazionale Comunità Accoglienti) che invita giustamente anche tutto il terzo settore e la stesse realtà ecclesiali a essere “più vigili e incisivi nei confronti di soggetti chiaramente screditati”. Condividiamo pure la conclusione: “Quando le informazioni raccolte da più fonti autorevoli di un territorio evidenziano situazioni particolarmente gravi, come in questo caso, è doveroso prendere le distanze e, se possibile, contrastare le attività di chi ha scelto di speculare sulla pelle dei più deboli e marginali.”

Capo Rizzuto docet
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento