Proiezioni

stampa

Nella conquista dello spazio cosmico, si gioca, infatti, la conquista dello spazio umano per le tre protagoniste di quello che in italiano è uscito col titolo Il diritto di contare.

Lee Chandler vive a Boston in uno scantinato e sbarca il lunario facendo il portiere tuttofare per alcuni condomini. La sua vita scorre monotona tra commissioni per inquilini improbabili e solitarie serate al pub. L'improvvisa anche se attesa morte del fratello Joe, malato di cuore, lo costringe a ritornare a Manchester by the sea, piccolo paese sulla costa, per organizzare i funerali e il futuro del nipote sedicenne Patrick, rimasto solo.

Il titolo originale Theatre of life del documentario Il refettorio: Miracolo a Milano è decisamente più incisivo, per il fatto che il protagonista della pellicola è un vecchio teatro nel quartiere Greco di Milano, dismesso da anni e trasformato in un confortevole e luminoso refettorio per senzatetto in occasione di Expo 2015.

ATTUALE

Dopo aver raccontato in Saving Mr. Banks (2014) il modo in cui Walt Disney riuscì a ottenere i diritti d'autore di Mary Poppins, John Lee Hancock racconta ora un altro tipo di “vincente”: Ray Kroc e la sua conquista del marchio Mc Donald. Un uomo che diventa l'emblema di un Paese. Erano gli anni '50, ma è oggi.

Vive a Paterson, New Jersey. Si chiama Paterson (Adam Driver, già in Hungry Hearts di Saverio Costanzo e nell’ottavo episodio di Star Wars) fa l’autista del bus.

Appesa ai rami dell'albero di Natale, quest'anno, scintillante di luci e di colori, c'è la terza edizione del Cineforum organizzato dall'associazione oratori, NOI Trento, in collaborazione con l'Ufficio diocesano comunicazioni sociali e con l'associazione A.M.A. Auto mutuo aiuto.

“Prepararsi all’impatto”: è la battuta drammatica della scena clou del 36° film dell’86enne Clint Eastwood, ispirato ad un fatto di cronaca del 15 gennaio 2009.

C’è da rimanere colpiti dal film di Oliver Stone. Perché, in Snowden, il racconto cinematografico fa sembrare le tesi orwelliane contenute in 1984 un affare da principianti.

La vita di Massimo, giornalista quarantenne tormentato da un male di vivere che lo frena specialmente nei rapporti affettivi, è dominata da una domanda che è rimasta sospesa fin dalla scomparsa improvvisa della mamma, quando lui aveva solo nove anni..

I registi Arnaud Louvet e Renaud Fély, nell'intervista del pressbook cinematografico, centrano la natura di questa nuova rimessa sullo schermo del santo di Assisi, arrivata nelle sale italiane all'indomani della festa del 4 ottobre.