Sette giorni in tv

stampa

La settimana televisiva commentata dall'Aiart.

Si discute spesso sulla necessità in Italia di promuovere la lettura dei libri e la cultura letteraria, ma si può attribuire questo ruolo alla tv, dove vige il primato dell'immagine? Un esempio recente è lo spettacolo ideato da Alessandro Baricco per Rai5 (ora in replica) “Totem, letture, suoni, lezioni”.

Un'indagine sul rapporto fra i giovani trentini e i social network finalizzata a individuare dei modelli che possano servire alle scuole e ai genitori che spesso si trovano in difficoltà nell’interagire con i ragazzi su questo terreno.stract.

Prendete un manager, travestitelo e mettetelo a lavorare fianco a fianco con i suoi dipendenti: questa è la semplice trama che sta alla base del racconto di Boss in incognito.

Ogni puntata si snoda secondo una sequenza standard, che parte con la presentazione del boss e la sua trasformazione in aspirante lavoratore, protagonista di un programma televisivo. Per giustificare la presenza delle telecamere, ai cinque dipendenti che affiancherà viene richiesto di fare da tutor e di valutare il concorrente. Al termine della settimana, il boss si svela ai suoi sottoposti.

Tra la fine dell’anno vecchio e l’inizio del nuovo come al solito si sono sprecati gli oroscopi e le previsioni per il 2016 appena iniziato. Sul piccolo schermo e sui giornali in questo periodo è una sfilata di astrologi, cartomanti e presunti indovini.

La settimana scorsa abbiamo fatto esperienza un po' tutti, chi in modo diretto chi indiretto, di una tempesta mediatica. Del suo scatenarsi improvviso e della sua virulenza. C'è qualcuno che non sia stato toccato almeno di striscio, dal «caso don Gino» scatenato da La7, martedì 6 ottobre?

E’ la radio giornalisticamente la sentinella e l’esploratore delle cose del mondo in estate, e non solo.

radio - tv

Se vi siete chiesti almeno una volta chi sia la bambina dai grandi occhi verdi e dal lungo vestitino fucsia, che sorride birichina dai palloncini della fiera, allora siete pronti per essere conquistati da Masha e Orso, il cartone animato che nel giro di pochi mesi è riuscito a insidiare il primato di Peppa Pig nella classifica dei programmi televisivi dedicati ai più piccoli.

I bambini sanno è il secondo docu-film di Walter Veltroni, primo segretario del Pd del cui direttivo nazionale fa ancora parte, già sindaco di Roma e ministro, ma anche giornalista, scrittore e ora pure regista.

Per “Viaggio nell’Italia che cambia” Giuseppe Giannotti in quaranta puntate ha girato per Raistoria in lungo e in largo la nostra penisola.

I fatti tragici di Francia della settimana scorsa hanno rimesso al centro dell'attenzione la televisione.