Scuola&Cultura
stampa

ERASMUS Il programma di mobilità per studenti compie trent’anni

Generazione E

Da ormai trent’anni, il programma Erasmus – oggi chiamato Erasmus+ - continua ad essere considerato uno degli strumenti che più hanno contribuito all’integrazione europea.

Parole chiave: Erasmus (3), Università (304), Europa (500)

Nella sua storia ha coinvolto una generazione composta da nove milioni di studenti, apprendisti, volontari, professori ed educatori

Studenti Erasmus a Vilnius, in Lituania.

Studenti Erasmus a Vilnius, in Lituania.

E’ difficile immaginare, in un momento in cui più che ponti s’innalzano muri, milioni di giovani che, dal 1987, attraversano l’Europa, costruendola.

Eppure, da ormai trent’anni, il programma Erasmus – oggi chiamato Erasmus+ - continua ad essere considerato uno degli strumenti che più hanno contribuito all’integrazione europea. Sono 9 milioni i giovani dell’Unione Europea che hanno scelto di spostarsi, per un periodo dai 3 ai 12 mesi, in un altro Paese, per motivi di studio o di tirocinio.

L'anniversario

Il Parlamento Europeo ha messo in cantiere una serie di iniziative ed eventi per celebrare il 30° anniversario del programma di formazione transnazionale Erasmus sostenuto dall’Unione europea. Dal 1987 più di 9 milioni di giovani hanno potuto studiare, lavorare e svolgere attività di volontariato all’estero. Il progetto di bilancio 2018 destina a Erasmus+ 2,3 miliardi di euro (+9,5% rispetto al bilancio 2017). Il presidente dell’Eurocamera, Antonio Tajani, ha detto che l’Erasmus “deve essere una possibilità per tutti i giovani europei, indipendentemente dal livello di reddito della propria famiglia o dal percorso di informazione intrapreso”. Petra Kammerevert, presidente della commissione parlamentare per la cultura e l’istruzione, ha dichiarato: “Ritengo che il programma rafforzi la tolleranza e il rispetto delle diversità, che costituiscono una grande ricchezza per l’Ue”.

Sono invece quasi 8 mila gli studenti che, dall’Università di Trento, sono partiti per le più disparate destinazioni; mentre sono più di 3700 coloro che hanno scelto come meta per un periodo di studi proprio il Trentino.

La mobilità internazionale è un punto su cui l’Università di Trento sta investendo molto. “Abbiamo aumentato l’importo delle borse per l’Erasmus, stabilite dall’Unione Europea a seconda della destinazione, grazie ai contribuiti dell’Opera Universitaria di Trento”, spiega il professor Flavio Deflorian, vicerettore allo sviluppo internazionale. Difficilmente la cifra copre tutti i costi del soggiorno all’estero; serve comunque un ulteriore investimento da parte delle famiglie. Un investimento che, nel caso di chi studia fuorisede, è già presente.

Oltre a questo, è stato aumentato anche il numero delle borse, per facilitare la mobilità del maggior numero di studenti possibile. La direzione è quella di favorire l’Erasmus, mantenendo però intatta una certa regolarità negli studi: si sta quindi cercando d’individuare un semestre in cui non ci siano esami “fondamentali” per chi volesse trascorrere quel periodo altrove. Il rischio, infatti, è molto spesso quello di non rispettare il proprio percorso formativo, se non di allungare i tempi di laurea.

“Un elemento un po’ critico, sul quale lavorare, è l’attrattiva in entrata”, spiega Deflorian. In questo senso, si è aumentata l’offerta formativa in lingua inglese per i corsi di laurea magistrale, mentre i corsi triennali restano, per il momento, essenzialmente in italiano. Inoltre, grazie al passaparola degli studenti stranieri venuti a Trento, sta anche migliorando l’attrattiva della città che, rispetto ad altre grandi sedi universitarie italiane, è meno conosciuta a livello internazionale. Il bilancio tra studenti in entrata ed in uscita è ancora impari, ma si stanno facendo passi in avanti in tale direzione. “In piccoli atenei come Trento non c’è niente di automatico e di acquisito: bisogna impegnarsi di più per facilitare il flusso in entrata”, è la riflessione di Deflorian.

Il benvenuto

“Il nostro contributo alla costruzione dell’Europa”

Sono 367 gli studenti stranieri arrivati all’inizio dell’anno accademico a Trento. Sono stati accolti il 14 ottobre al teatro Sanbapolis, assieme a tutti gli studenti trentini appena rientrati dall’Erasmus. Nel corso del pomeriggio, sono intervenuti il professor Flavio Deflorian, vicerettore allo sviluppo internazionale, e Valentina Battisti, studentessa Erasmus a Varsavia nel 2005. “Stiamo lavorando per una nuova società ed una nuova visione dell’Europa”, ha riflettuto Valentina, raccontando che, a distanza di 12 anni, ogni anno continua ad incontrarsi con i suoi amici dell’Erasmus. E’ stata anche l’occasione per festeggiare il compleanno di ESN (Erasmus Student Network) Trento, che, da 25 anni, continua ad essere un’organizzazione no profit di studenti che aiutano i loro colleghi stranieri ad ambientarsi nell’ateneo trentino.

La necessità e la difficoltà di farsi conoscere vennero a galla già agli inizi. Lo ricordano bene Roberto Toniatti, professore di diritto pubblico comparato, che è stato il primo delegato Erasmus a Trento, e Diana Giovanaz, sua collaboratrice amministrativa in quegli anni. “All’inizio, essendo pionieri, non c’erano certezze, mentre oggi è diventata un’attività di routine; e, come ogni attività di routine, c’è meno creatività”, osserva Toniatti. Inoltre, mentre oggi si ragiona attraverso degli accordi bilaterali tra università, un tempo c’erano gruppi più grandi, che s’incontravano costantemente. Era molto utile che i docenti coordinatori dei flussi Erasmus ed il personale amministrativo si conoscessero, creando delle vere e proprie comunità interuniversitarie. Proprio attraverso la conoscenza reciproca, ricorda Giovanaz, si è ottenuto di poter mandare all’estero più studenti trentini rispetto a quelli stabiliti dal principio di reciprocità.

Il vero punto di forza dell’Erasmus, sostiene Toniatti, è l’esperienza all’estero in sé, che permette di acquisire più consapevolezza della cittadinanza europea e aiuta a combattere gli stereotipi.

Non bisogna farsi spaventare dalla burocrazia che, a volte, rappresenta uno scoglio, è il suggerimento di Sara Dorfelli, studentessa vicentina di Letterature euroamericane, Traduzione e Critica letteraria a Trento. Del suo Erasmus a Vilnius, in Lituania, durante il secondo semestre del terzo anno della triennale, ricorda soprattutto gli incontri con tanti studenti che le hanno insegnato ad impegnarsi per raggiungere i propri obiettivi, tanto che ha già nei programmi un prossimo Erasmus.

Un’esperienza significativa anche per chi, come Laura Folgheraiter, studentessa di Studi internazionali che in Erasmus è stata per 6 mesi a Ratisbona, aveva già fatto alle superiori un anno all’estero negli Stati Uniti. Questo nonostante poi, al rientro, occorra talvolta svolgere delle integrazioni degli esami sostenuti all’estero, e le tempistiche siano spesso lente.

Il documento

Una diversa visione dell’Europa

Studenti ed ex-studenti che, nel corso di questi 30 anni, hanno avuto l’opportunità di andare in Erasmus, si sono riuniti il 24 febbraio a Roma. A radunarli, ESN Italia, la fondazione garagErasmus, l’Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire, con la collaborazione del Dipartimento per le politiche europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del MIUR. Da quest’incontro è nata “La Carta della Generazione Erasmus”, che affronta 6 tematiche chiave: Erasmus global o non global, comunità locali e mondo digitale, Europa unita, cittadinanza europea, Erasmus for all (Erasmus per tutti) e mobilità tra studio e lavoro. In questi sei punti, che vorrebbero essere altrettanti suggerimenti politici, si concentra una diversa visione dell’Europa e dell’Erasmus stesso. Il documento è stato consegnato il 9 maggio a Firenze, giorno in cui si sono celebrati i 30 anni dell’Erasmus, a Valeria Fedeli, ministra dell’Istruzione, e a Sandro Gozi, sottosegretario alle Politiche ed agli Affari Europei.

Generazione E
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento