Scuola&Cultura
stampa

L'Università collabora con la magistratura per fare chiarezza

Il rettore difende l'ateneo

Il rettore Paolo Collini in difesa dell'Università di Trento, al centro in questi giorni di una maxi inchiesta che ha visto coinvolti 18 indagati, tra docenti del Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Meccanica, dottorandi, il dirigente della direzione patrimonio immobiliare appalti e la responsabile della segreteria tecnica. 

Parole chiave: Università di Trento (33), università (324), legalità (87), ricerca (266), mafia (59), magistratura (9)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito