Valli
stampa

Il Trentino sferzato dal maltempo. A Dimaro, in val di Sole, Michela Ramponi, 45 anni, madre di due figlie, muore nella sua casa, travolta dal fango

Dimaro ferita nel Trentino sferzato dal maltempo

Una comunità ancora ferita, scossa. Un paese tagliato in due da quella colata di acqua e fango che con violenza, la sera prima, si è portata via la vita di una giovane madre. Michela Ramponi, 44 anni, due figlie, si trovava all'interno della sua casa, travolta dal fango. A pochi metri, il Dolomiti Camping Village, raso al suolo. Era vuoto, ma già pronto ad accogliere i suoi ospiti per l'imminente ponte di Ognissanti.

Parole chiave: Michela Ramponi (1), territorio (17221), tragedia (42), Dimaro (25), calamità (73), maltempo (34)

Il giorno dopo l'esondazione del Rotian. Davanti alla spettrale massa grigia di alberi sradicati e pietre, una comunità scossa che prova a rialzarsi

Dimaro - La colata di fango che ha travolto parte del paese, dopo l'esondazione del rio Rotian. - 30/10/2018 - Gianni Zotta

Dimaro - La colata di fango che ha travolto parte del paese, dopo l'esondazione del rio Rotian. - 30/10/2018 - Gianni Zotta

Dimaro, 30 ottobre 2018. Il paese è sferzato da un vento freddo, piove. Ancora. Poca gente per strada, poca voglia di parlare. Teste basse, mani e braccia al lavoro.

La mattina dopo la comunità è ancora ferita, scossa. Dimaro, 1.200 abitanti, è tagliato in due da quella colata di acqua e fango che si è portata via la vita di una giovane madre. Michela Ramponi, 45 anni, due figlie, si trovava all'interno della sua casa, travolta dai detriti. A pochi metri dall'abitazione, il Dolomiti Camping Village, raso al suolo. Era vuoto, ma già pronto ad accogliere i suoi ospiti per il ponte di Ognissanti.

Dal centro del paese risaliamo a piedi via Gole, poi via san Lorenzo, fin dove riusciamo ad arrivare. Gli stivali affondano nella melma, avvicinandosi alle automobili divelte dalla forza degli elementi. Fango, tanto fango. Attanaglia le abitazioni impedendo l'accesso ai piani inferiori, ricopre i giardini, gli orti e i prati. Su un piccolo lembo di terra alcune arnie dai colori vivaci si stagliano sulla spettrale massa grigia di alberi sradicati e pietre.

Tanti dei 200 tra vigili del fuoco e operatori del Comune impiegati nelle delicate operazioni di queste ore, lavorano qui. Non c'è quiete dopo la tempesta. Bisogna fare in fretta anche perché le previsioni per il fine settimana, ci dicono, non sono rassicuranti.

Le escavatrici continuano a spostare la poltiglia, i camion riempiti di detriti fanno la spola: la macchina dei soccorsi è all'opera dalle prime ore del mattino. Incessantemente, per cercare di portare il più velocemente possibile la situazione alla normalità. Va domato il torrente Rotian che, abbandonato il suo alveo, si riversa a valle con una cascata ancora impetuosa.

Lo scorrere disordinato dell'acqua marrone racconta quello che è successo poche ore fa, quando la situazione non destava particolare preoccupazione. Nel tardo pomeriggio, invece, un'ora e mezzo di acqua torrenziale dal cielo. Tanta, tanta pioggia, troppa se viene giù tutta insieme. Lo ripete il sindaco di Dimaro-Folgarida Andrea Lazzaroni, che per tutta la notte ha coordinato i soccorsi. Addosso ancora la divisa da vigile del fuoco, gli occhi segnati dalla fatica, la voce rotta. “Una tragedia che ha segnato il territorio, ma ci ha segnato anche l'anima”, racconta.

La frana si è staccata da quota 1.200, all'altezza dell'abitato di Folgarida. Mezz’ora dopo le sette. Pochi, maledetti minuti. Un boato nel buio. “Ho sentito la casa tremare, non capivo cosa fosse”, dice un sopravvissuto. Decine di migliaia di metri cubi di materiale vengono trasportati a valle dalla furia del Rotian, che nemmeno i numerosi interventi di messa in sicurezza, anche recenti, realizzati lungo il corso del torrente, riescono a contenere. Acqua e detriti piombano sulle case, arrivando fino alla strada statale 42 del Tonale e della Mendola. Alcuni automobilisti in transito sono soltanto lambiti dalla colata o riescono a fare inversione poco prima di essere raggiunti dal fango.

In via Gole, i soccorritori raggiungono con fatica la casa di Michela. Dopo ore di lavoro, a notte fonda, la notizia più temuta: la donna viene ritrovata senza vita. La figlia si è salvata uscendo di casa prima e aggrappandosi su un albero.

Duecento persone intanto sono state evacuate. Si sommano alle cento che avevano dovuto lasciare le proprie case nell'abitato di Carciato, perché le acque del torrente Meledrio, altro fronte critico, avevano superato il livello di guardia.

Le accolgono parenti, amici e alcune strutture ricettive messe generosamente a disposizione dai proprietari. Tante persone poi, veniamo a sapere, fin dalle prime ore del mattino si sono messe a disposizione, chiedendo di poter rendersi utili, di dare una mano, anche se in questi momenti le operazioni sono condotte soltanto da operatori qualificati e in grado di garantire la sicurezza.

Dimaro prova già a rialzarsi anche grazie a quella rete di solidarietà e vicinanza, di affetto e calore umano, che quella devastante colata di fango, non ha spazzato via.

Dimaro ferita nel Trentino sferzato dal maltempo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento