Valli
stampa

Mons. Tisi ha anche visitato gli sfollati

“La vostra comunità dà segni di Resurrezione”

“Il mio affetto per voi non morirà. Vi amerò in cielo come vi ho amato sulla terra”. Per l’annuncio di morte, i familiari di Michela Ramponi, hanno scelto queste parole risuonate nel silenzio della chiesa di Dimaro mercoledì 31 ottobre insieme alla comunità. Una folla attonita ha cercato consolazioni nelle parole del Vangelo alla Messa celebrata da tanti sacerdoti col parroco don Gaetano Castiglia e presieduta dall’Arcivescovo che ha pronunciato l'omelia.

Parole chiave: territorio (17221), calamità (73), Dimaro (25), val di Sole (95), Lauro Tisi (112)

Al funerale l’Arcivescovo esprime riconoscenza al paese di Dimaro e ribadisce: “L’amore vince la morte ed ora Michela vi accompagnerà con premura di madre”

Michela Ramponi, vittima del maltempo che ha colpito la val di Sole.

Il mio affetto per voi non morirà. Vi amerò in cielo come vi ho amato sulla terra”. Per l’annuncio di morte, i familiari di Michela Ramponi, hanno scelto queste parole risuonate nel silenzio della chiesa di Dimaro mercoledì 31 ottobre insieme alla comunità , stretta attorno al marito Stefano, e insieme alle testimonianze commosse dei compagni delle figlie Arianna e Francesca. Una folla attonita ha cercato consolazioni nelle parole del Vangelo alla Messa celebrata da tanti sacerdoti col parroco don Gaetano Castiglia e presieduta dall’Arcivescovo che ha pronunciato questa omelia. Da parte di monsignor Tisi un pensiero agli sfollati, che ha poi visitato nella residenza che gli ospita, e un “grazie” accorato all’intera comunità di Dimaro così duramente colpita e a tutti coloro, professionisti e volontari, che, oltre alle ore dell’emergenza, si stanno operando per un graduale ritorno alla normalità, dando una “dimostrazione di enorme dignità e umanità”.

“Dio mio, Dio mio perché mi hai abbandonato (Mc 15,34)”. Davanti alla morte di Michela, non trovo parole diverse da queste per dar voce al grido di dolore di Stefano, Arianna e Francesca; della mamma Annamaria e del papà Domenico, del fratello Ezio.

In un attimo, la morte ha violato l’intimità della vostra casa, lasciando dietro di sé una scia di lacrime e dolore inconsolabile. Davanti al vostro dolore, comprendo che ogni mia parola possa disturbare, se non addirittura ferire.

Sommessamente vi invito a riconoscere nelle vostre lacrime il documento di un amore infinito, che nessuna parola riesce a lenire, nessun tempo potrà mai cancellare. Questo amore ha il volto pieno di tenerezza, di premura, di dedizione di Michela. Questo amore non può morire. Non può finire nel nulla un amore così.

A farsi carico di non lasciarlo finire nel nulla è Gesù di Nazareth che come ci ricorda la lettera gli Ebrei è in grado di sentire giusta compassione essendo stato, lui stesso, come noi, provato in ogni cosa. La credibilità del nostro Dio sta proprio nel suo essersi fatto compagno del dolore dell’uomo. Provò paura e angoscia davanti alla morte, ci ricorda l’evangelista Marco, proprio perché non dovessimo attraversare da soli il guado della morte.

In queste ore, la comunità di Dimaro, così ferita nel profondo, ha già dato segni di resurrezione ed ha trovato la forza di stringersi attorno alla famiglia di Michela, così drammaticamente colpita, e di alleviare i gravi disagi di questi giorni. La vostra comunità sta rivelando non a parole, ma con la concretezza dei fatti, che l’amore è più forte della morte e ci dice il valore inestimabile del volto delle persone.

Vi esorto ad assumervi un impegno: continuate ad avere nel cuore il volto di Stefano, Arianna, Francesca; del papà e della mamma e dei famigliari di Michela. Ce lo chiede la nostra fede, che non può risolversi in astruse dottrine o concetti, ma ha bisogno come il pane della concretezza del prendersi carico, del farsi prossimo con la discrezione e il silenzio che un dolore così grande richiede.

Prendiamoci tutti – io me lo prendo come vescovo – l’impegno di farci prossimo di questa famiglia per accompagnare il dolore. Nella fede del Risorto voglio ripetere che l’amore è più forte della morte ed ha sempre l’ultima parola. La morte aggredisce, ma non può spegnere l’amore. In quest’ora in nome di Cristo morto e risorto vi dico con l’angoscia nel cuore e la certezza della fede posso dirvi che questa nostra sorella ora contempla Dio, è nel Signore e si farà sentire con la sua premura di madre. In altro modo continuerà ad essere accanto a voi.

Cara Michela, siediti accanto a Stefano, Arianna e Francesca, al papà, alla mamma, a tuo fratello e quanti ti vogliono bene. Siediti accanto e dì loro che tu non sei morta, ma vivi in Dio e ti farai sentire con la tua presenza”.

“La vostra comunità dà segni di Resurrezione”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento