Pag. 39: Dialogo aperto
stampa segnala ad un amico

Osservatorio

Il merlo

Dalla terrazza di casa mia si vede un cortiletto sormontato da una vigna, mèta di alcuni merli che vengono a sbeccuzzare le briciole per terra o qual...

Dalla terrazza di casa mia si vede un cortiletto sormontato da una vigna, mèta di alcuni merli che vengono a sbeccuzzare le briciole per terra o qualche acino appassito scampato alla vendemmia.

Uno di questi merli (lo conosco ormai vorrei dire per nome) viene più volte al giorno, si posa sul muretto di cinta e – prima di avventurarsi nel cortile o sulla vigna – mi guarda a lungo, immobile. Sembra che pensi: mi fido o non mi fido? Tanto lui che i suoi fratelli alati danno l'impressione di vivere nella continua paura dell'uomo, e non hanno tutti i torti.

Forse anche noi credenti siamo un po' come quei merli: viviamo nella continua paura di Dio che può mandarci i suoi castighi e alla fine spedirci all'inferno.

Eppure Suo Figlio ci ha rivelato che Egli non è né padrone né faraone, ma è Padre: il che non significa ingenuo pacioccone, ma persona libera che ci tratta da persone libere e responsabili, le quali sanno accettare o respingere il suo amore e decidere così il proprio eterno destino.

Non quindi merli che non sanno se fidarsi o meno, ma figli che dell'amore paterno hanno sicurezza totale.

Il merlo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento