Pag 34: Fiemme - Fassa - Primiero
stampa segnala ad un amico

Il libro

Mezzano da scoprire

 

Parole chiave: Primiero (205), Mezzano (13), libro (303), storia locale (281)

Mezzano è là, all’inizio della Valle Primiero. Ancora qualche mese e il traffico della strada provinciale che lo attraversa, dividendolo in due, sarà solo un ricordo.

Sarà la moderna circonvallazione, intorno alla quale in questi anni si è tanto discusso, a trasformarne il centro. Soprattutto a riconsegnare questa parte del paese ai cittadini. Opportunità, occasione di crescita per il futuro.

Perché Mezzano, con gli affreschi, con le sue abitazioni, con gli straordinari fienili, i “tabià” che grazie ai colori di Davide Orler hanno fatto il giro del mondo, è quella parte di Primiero che più ha saputo conservare l’identità, la sua cultura.

Per far conoscere da vicino il paese, l’amministrazione comunale ha voluto realizzare una guida tematica, dal titolo “Mezzano, segni sparsi del rurale”.

Frescanti, orti, iscrizioni, acqua, architetture: questi i temi che la guida racconta come altrettante chiavi di lettura per comprendere il paesaggio.

Antiche le sue tradizioni. La grande e sentita festa del Carmine e del “Carmenin”.

La suggestiva gara delle bocce fra le vie del paese, le “canisele”, dove a metà luglio, da lungo tempo, si sfidano due quartieri.

Sono i due “cantoni”, quello dei “Pranovi” e quello dei “Grisoni”.

Nella guida dove si parla dell’elemento “acqua” c’è spazio per le numerose fontane, ben cinque nel solo centro storico, collocate in spazi liberi, alla confluenza di più strade. La loro costante manutenzione era tenuta in tale considerazione da necessitare, in epoca passata, di una persona dedicata: il fontanaro.

Una mappa catastale risalente al 1859 ben evidenziava l’alimentazione di alcune fontane, come quella dei “Cosneri”, da una roggia scoperta, che attraversava la parte superiore del paese.

Partiva a monte, da una zona nella quale si localizzavano due dei tre acquedotti storici in cunicolo che servivano Mezzano.

Lavatoi e lavanderie “lisiere” coperte erano dedicate al lavaggio dei panni.

Una guida che racconta il paese, in maniera essenziale e sintetica, e che intende, in fondo, trasformare il lettore in visitatore.

Mezzano da scoprire
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento