Pag 5: Attualità
stampa

Il naufragio della Costa Concordia – 11 morti finora accertati, 23 dispersi – lascia aperti molti interrogativi

Il gigante ferito

Il nucleo dei sommozzatori della Protezione civile della Provincia di Trento, che era stato allertato nell'immediatezza della tragedia della nave da crociera Costa Concordia, naufragata alle 21.45 di venerdì 13 gennaio di fronte all'isola del Giglio, mentre era in navigazione nel mar Tirreno sulla rotta Civitavecchia-Savona, è rimasto al palo ed è venuta meno l'ipotesi di un suo intervento. Altri gruppi di sommozzatori nazionali ed esperti speleologici sono entrati in azione e, con l'aiuto di cariche di esplosivo, sono entrati nel ventre della Concordia, recuperando 5 cadaveri. E' salito così ad 11 il bilancio dei morti, mentre 23, ma c'è chi dice 28, passeggeri figurano ancora fra i dispersi.

Parole chiave: calamità (67), naufragio (3), disastri (1)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito