Pag 3: La terza
stampa segnala ad un amico

Una mostra ed un convegno

Agli ordini della “Civica”

Il recente restauro della Torre Civica ha contribuito a riaccendere l’interesse della collettività per un edificio che da secoli ha un ruolo di primo piano nell'orizzonte cittadino.

Parole chiave: cultura (2293), architettura (53), Trento (386)

Una mostra ed un convegno sulle funzioni della Torre di piazza che dettava il tempo laico della città

Trento - La Torre Civica. - 2012 - Gianni Zotta

Trento - La Torre Civica. - 2012 - Gianni Zotta

La “Civica” è il più antico e visibile monumento cittadino. Rappresenta un simbolo senza pari della città di Trento e della sua complessa vicenda storica, punto di incontro tra governo ecclesiastico e ambizioni comunali, eretto in stretta connessione alla residenza vescovile, luogo di chiusura e separazione nella sua funzione di carcere, di apertura e comunità nella sua funzione di torre campanaria e sede del primo orologio cittadino.

Il recente restauro della Torre di piazza ha contribuito a riaccendere l’interesse della collettività per un edificio che da secoli ha un ruolo di primo piano nell'orizzonte cittadino. Viene spontaneo chiedersi quando venne realizzata la torre e da chi? A quale uso fu adibita nei secoli? Chi ne fu il proprietario? Nel recente convegno promosso dal Comune di Trento, dalla Società di Studi Trentini di Scienze Storiche e dal Museo Diocesano Tridentino quattordici relatori hanno approfondito diverse  funzioni storiche e numerose vicende artistiche e architettoniche della Torre, anche inedite.

La mostra allestita al Museo diocesano (si veda il riquadro) con interventi multimediali di Stefano Benedetti conduce il visitatore lungo un’ideale linea del tempo che prende avvio dal XII secolo e arriva fino ai giorni nostri. S'incontrano alcuni dei documenti che hanno permesso di ricomporre la storia del manufatto, fornendo dati e riferimenti cronologici certi.

Trento - All'interno della Torre Civica. - 29/02/2012 - Gianni Zotta

Trento - All'interno della Torre Civica. - 29/02/2012 - Gianni Zotta

Fondamentale punto di riferimento per tutti i cittadini, la Torre Civica regolava il vivere civile, scandendo con il suo orologio il tempo urbano e laico; chiamava a raccolta i cittadini o li avvertiva in caso di pericolo con le sue due campane, “della renga” e “della rason”.

Le fonti scritte, messe in luce da una paziente ricerca d’archivio, sono accompagnate da interessanti e talvolta curiose testimonianze iconografiche: dipinti, incisioni, vecchie fotografie, cartoline. Di particolare interesse la veduta di Piazza Duomo di Giuseppe Canella, presentata per la prima volta al pubblico. Il dipinto è stato concesso in prestito dalla Soprintendenza per i Beni storico artistici della Provincia Autonoma di Trento, che lo ha recentemente acquisito. Le immagini ricostruiscono visivamente i mutamenti della configurazione architettonica dell’edificio, le cui fasi costruttive sono state accuratamente indagate utilizzando anche i dati di conoscenza materiali, integrata da analisi specialistiche.

Trento - Dipinti e graffiti all'interno della Torre Civica. - 29/02/2012 - Gianni Zotta

Trento - Dipinti e graffiti all'interno della Torre Civica. - 29/02/2012 - Gianni Zotta

Non si dice molto molto invece di altri aspetti che potevano essere proposti ai trentini: un’indagine sulle testimonianze graffite dai carcerati sulle pareti delle celle, il ricordo di quel ladruncolo riacciuffato dopo che era riuscito ad evadere insieme ad un compagno di prigionia e in generale delle condizioni dei prigionieri, le diatribe processuali ai massimi livelli fra i massari vescovili e i consoli comunali su chi doveva esercitare le funzioni di custodia, le  testimonianze dei viaggiatori stranieri di passaggio da Trento, gli apparati festosi allestiti in più occasioni, le luminarie, testimonianze concrete dell’uso delle sue campane per chiamare a raccolta i cittadini o per avvertirli in caso di pericolo, specificatamente in caso d’incendio, aneddoti, leggende, fiabe …

Trento - Campana all'interno della Torre Civica. - 29/02/2012 - Gianni Zotta

Trento - Campana all'interno della Torre Civica. - 29/02/2012 - Gianni Zotta

Potevano essere molto più numerose le piste da seguire per non limitarsi alla rigorosa ma ben poco intrigante, individuazione e giustapposizione di decine e decine di immagini della Torre: merita di essere indagato a 360 gradi quello che, insieme alla fontana del Nettuno, è il massimo simbolo della città nella sua dimensione civile.

Agli ordini della “Civica”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento