Whirlpool, il sì di Poletti alla cassa

>

Il secondo anno di cassa integrazione straordinaria per i 220 lavoratori dell’ex stabilimento Whirlpool sarà garantito.  Parola del ministro del lavoro Poletti, che nell’incontro ieri pomeriggio a Roma con l’assessore Olivi ha preso l’impegno di trovare entro pochi giorni  la soluzione tecnica per erogare i 6 milioni di euro necessari.   La richiesta del secondo anno di cassa non poteva essere tecnicamente avanzata prima di febbraio, essendo il primo anno  scaduto proprio il 2 di questo mese – E la decisione del Governo non terrebbe conto, fra l’altro, dell’accordo siglato   tra azienda, Provincia e sindacati  e sottoscritto dallo stesso ministero.   

Salta il presidio dei sindacati annunciato alle 13 oggi davanti al Commissariato del Governo. I lavoratori sono riuniti in assemblea per fare il punto della situazione, dalla cassa integrazione alla formazione alle prospettive di reindustrializzazione del sito ex Whirlpool.   

Soddisfatto l’assessore Olivi, che ha esposto gli sforzi fatti dalla Provincia assieme all’azienda e alle rappresentanze sindacali per affrontare il problema della chiusura dell’azienda di Spini di Gardolo in maniera costruttiva, anche attingendo alle risorse dell’Unione Europea e quindi alleggerendo il “peso” di cui lo stesso Governo avrebbe dovuto farsi carico. 

vitaTrentina

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
vitaTrentina

I nostri eventi

vitaTrentina