Chiesa&religioni

Con la pubblicazione dell’Instrumentum laboris prende il via la preparazione del Sinodo amazzonico fortemente voluto da Papa Francesco, in programma dal 6 al 27 ottobre. In un mondo dove "tutto è connesso", come scrive il Papa nella Laudato sì, serve "una conversione integrale" per la vita della Chiesa e del pianeta, minacciato da una crisi ambientale senza precedenti.

Ma non chiamatela...”finei Donum”. Verrebbe da dire così con una battuta per affermare che il rientro di tre missionari dall’America Latina (si vedano le nomine nel numero scorso) non significa mettere la parola fine su una dinamica costante – e come tale inesauribile – della vita cristiana. La stessa enciclica dal titolo “Fidei Donum” firmata da Pio XII nel 1957 più che affermare una strategia - l’invio di preti dall’Occidente alle giovani Chiese – ribadiva una responsabilità: quella di vivere ogni ministero come un dono per il Vangelo nel mondo in una logica di scambio fraterno e reciproco. Se è vero che allora s’avviò una modalità storica poi esaltata dal Concilio Vaticano (con la partenza oltreoceano negli anni Settanta e Sessanta di una quarantina di sacerdoti da Trento) questo non significa che ora non siano richieste scelte e forme nuove, giacché - come dice Papa Francesco - “la realtà viene prima dell’idea”.

Due giovani preti incaricati della pastorale giovanile di tutta la città vivranno ai Solteri insieme al pluriparroco di Cristo Re. Altra novità il rientro in diocesi di tre Fidei Donum.

Giovedì 20 giugno alle 20 nella pieve di Santa Maria Assunta a Condino è stata organizzata per una veglia di ringraziamento e preghiera per le vocazioni in onore del decimo e cinquantesimo anniversario di sacerdozio del parroco delle Unità Pastorali “Sacra Famiglia” e “Madonna delle Grazie” don Vincenzo Lupoli e del suo collaboratore don Beppino Caldera. Alle 21 i sacerdoti e i convenuti si sposteranno al palazzetto polifunzionale per continuare la festa con un momento conviviale.

La sua firma era stata a suo tempo ben nota ai lettori di Vita Trentina per le sue appassionate lettere a Dialogo Aperto. Il diacono permanente Fiorenzo Dorigoni, per anni anche promotore del settimanale, è deceduto improvvisamente nella notte del 12 giugno presso la Casa del Clero, dove era ospite dopo una delicata operazione al cuore.

Uno strumento per affrontare il dibattito sulla sessualità umana e le sfide che emergono dall’ideologia gender, in un tempo di emergenza educativa. Questo vuol essere il documento “Maschio e femmina li creò. Per una via di dialogo sulla questione del gender nell’educazione” a firma del cardinale Giuseppe Versaldi, prefetto della Congregazione per l’educazione cattolica, e dell’arcivescovo Vincenzo Zani, segretario del Dicastero

La solennità del Corpus Domini, anche con la sua tradizionale processione, vuole risvegliare la nostra fede e la nostra gratitudine per l’irriducibile rimanere di Gesù in mezzo a noi nel segno del Pane.

Il campo estivo è una settimana intensa di preghiera, formazione e una forte esperienza di vita comunitaria orientata ad accogliere ed evangelizzare i pellegrini e i turisti che arriveranno in quel luogo.

La Diaconia della Fede di Villa Sant’Ignazio propone un’esperienza di preghiera rivolto ai giovani dai 18 ai 30 anni attraverso uno dei modi di pregare indicati da sant’ Ignazio di Loyola con i cinque sensi . Ogni incontro dalle 9 alle 14 con pranzo al sacco prevede una “passeggiata sul territorio”, nella natura, in quattro stagioni diverse. Si comincia sabato 15 giugno 2019-. Il corso sarà accompagnato da guide ignaziane laiche: Gabriela Lovato e Luciana OrtariPer Informazioni / Iscrizioni rivolgersi alla segreteria di Diaconiatel. 0461.267650 oppure mail: diaconia@vsi.it

Il 2 giugno, la comunità di Ruffrè ha festeggiato il sessantesimo di sacerdozio di don Giuseppe Seppi e don Renato Marches, stringendosi - durante la celebrazione presieduta da don Carlo Crepaz - attorno i due sacerdoti. Coetanei, entrambi hanno prestato il loro servizio in parecchi luoghi del Trentino.

I lavori dovrebbero prendere il via nel corso della prossima estate e dureranno due anni. Sono stati appaltati gli ultimi lotti dei lavori di restauro della cattedrale di Trento. All’esito della quarta seduta pubblica di gara, i lavori sono stati aggiudicati lo scorso 29 maggio alla ditta Lares Lavori di restauro Srl di Venezia, che già aveva condotto a termine la prima fase di interventi sulla navata nord, conclusi nell’estate 2018. Ora si prosegue con gli altri due lotti del restauro conservativo sul paramento lapideo interno, relativamente alle navate centrale e sud, al transetto, al tiburio, al coro e all’abside della cattedrale di San Vigilio.

Immagine1

Immagine1

Messa di fine anno accademico giovedì 30 maggio per studenti e docenit degli istituti teologici con un momento ringraziamento a padre Matteo Giuliani, ofm, docente ormai emerito di catechetica, al quale è stato chiesto di tenere il prossimo 14 dicembre, una lectio magisalis come per il suo apprezzato servizio. A nome di tutti il dDirettore dello Studio Teologico Accademico di Trento, don Giulio Viviani, ha ricordato tanti anni di insegnamenti, di esami e di riunioni (“come dice il salmo 139: “Quanto grande il loro numero, o Dio! Se volessi contarli, sono più della sabbia!”,

Oltre 200 anziani al santuario della Madonna del Feles per pregare e socializzare