Chiesa&religioni
stampa

Mercoledì 9 dicembre alle 11.30 l'inaugurazione della struttura in via Endrici, alla presenza del ministro Franceschini e del vescovo Azevedo. Diretta su radio Trentino inBlu a partire dalle 10

Vigilianum, nasce il Polo culturale della Chiesa di Trento

Mercoledì 9 dicembre alle 11.30 l'inaugurazione della struttura in via Endrici, alla presenza del ministro Franceschini e del vescovo Azevedo. Diretta su Radio Trentino inBlu a partire dalle 10

Vigilianum, nasce il Polo culturale della Chiesa di Trento

«Un gesto di carità intellettuale». Con una citazione del grande filosofo roveretano Antonio Rosmini, l’Arcivescovo di Trento monsignor Luigi Bressan presenta il Vigilianum, il nuovo Polo culturale diocesano - nel cuore del capoluogo, al civico 14 di via Endrici -  la cui inaugurazione ufficiale avverrà mercoledì 9 dicembre alle ore 11.30. 

Al taglio del nastro interverranno il Ministro dei Beni e delle Attività culturali e Turismo Dario Franceschini, il vescovo monsignor Carlos Alberto De Pinho Morerira Azevedo, Delegato del Pontificio Consiglio della Cultura, accanto alle principali autorità locali. 

Il giorno prima, martedì 8 dicembre alle ore 20.30, è inoltre prevista la preghiera per l’apertura del Polo, nel 50° della chiusura del Concilio Vaticano II.

All’origine del Vigilianum, la decisione maturata a fine anni Novanta di costruire una nuova biblioteca diocesana. Ipotesi poi estesa all’opportunità di un vero e proprio centro culturale che inglobasse in un’unica struttura servizi già esistenti ma decentrati, innovandone le finalità e ponendole a servizio dell’intera città. 

Dopo poco più di tre anni di lavori, costati 12 milioni di euro - coperti per due terzi dal contributo della Provincia Autonoma di Trento e per il rimanente dall’Arcidiocesi - nasce ora il Vigilianum, dal nome del patrono della Chiesa di Trento, San Vigilio. 

Il polo punta ad essere opportunità di studio e ricerca, incontro e formazione.

Nel Vigilianum troveranno spazio: al terzo piano la nuova grande Biblioteca Diocesana, nata dall’unione di tre realtà distinte: la Biblioteca Diocesana Tridentina “A. Rosmini”, la Biblioteca del Seminario Teologico e il Centro di documentazione del Centro Missionario Diocesano. Al suo interno troveranno spazio 200.000 monografie antiche e moderne; 98 incunaboli; 2946 cinquecentine; 600 manoscritti; più di 100 testate di periodici in abbonamento; 3000 pezzi di musica a stampa; una banca dati interna di 40.000 articoli di periodici reperibili e consultabili.

Al secondo piano c’è l’Archivio Diocesano Tridentino, costituito dai fondi storici, dalla documentazione dei vescovi, del Capitolo della Cattedrale (l’insieme degli atti prodotti dai canonici del Duomo a partire dal XII secolo), della Mensa vescovile e dei settori pastorali e amministrativi dell’Arcidiocesi. 

Il primo piano sarà interamente occupato da depositi, con ben 23 km di scaffali compattabili su rotaia. 

Al pianterreno saranno ospitati: l’Ufficio Cultura e Università, il Centro per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso e l’Ufficio Educazione e Scuola.   

Sempre al pianterreno il Polo sarà inoltre dotato di una sala multifunzionale da cento posti e altre sale minori. Al piano interrato, un ampio parcheggio con sessanta  posti auto.  

Sentiamo Leonardo Paris, coordinatore del Vigilianum. (ascolta qui sotto)

Ascolta l'audio

Vigilianum, nasce il Polo culturale della Chiesa di Trento
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento