Chiesa
stampa

L’omelia dell’Arcivescovo

“Auguro alla nostra Chiesa lo stesso viaggio”

Il rischio che corrono anche le nostre comunità è che “Il Vangelo, la Parola che ci è stata affidata, spesso si riduce a una teoria, a un generico appello etico, a un dato culturale e identitario, a religione civile”. Lo ha osservato nell’omnelia dell’Epifania l’Arcivescovo Lauro Tisi rilevando che “nelle nostre comunità, a fatica c’è posto per i sognatori, per chi attraverso la via del dialogo e del confronto, osa strade e soluzioni nuove, immagina cammini di comunione e di fraternità”. 

Parole chiave: Territorio (20198)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito