Chiesa
stampa

La scomparsa di Dorigatti

L’artista don Remo

Don Remo Dorigatti, classe 1928, è morto nella notte di lunedì 8 luglio nella Casa del Clero, a Trento. E' sempre stato parroco a Mala, all’inizio della Val dei Mocheni, dal 1962 al 2015.

Parole chiave: chiesa (6385)

Don Remo Dorigatti, classe 1928, si è spento nella notte di lunedì 8 luglio nella Casa del clero, presso il seminario. Era nato a Miola di Pinè, ordinato sacerdote nel 1955; dopo gli anni trascorsi come vicario parrocchiale a Taio, dal 1955 al 1959, e poi ad Albiano, dal 1959 al 1962, è sempre stato parroco a Mala, all’inizio della Val dei Mocheni, dal 1962 al 2015. Qui ha svolto il suo ministero per oltre mezzo secolo e anche dopo il pensionamento ha potuto restare a Mala in canonica fino all’inverno scorso quando le forze calanti e un male incurabile lo hanno portato alla Casa del clero.

In questa comunità è stato accolto e accompagnato, oltre che dal personale di servizio, dall’amico e compagno di classe don Giovanni Avi con il quale ritornavano alla mente tanti ricordi. Era di poche parole don Remo, fedele al suo ministero e anche artista. La sua passione all’arte lo aveva portato a scolpire il legno e a dipingere oltre a fare lavori di intarsio notevoli impreziosendo così la chiesa parrocchiale di Mala. Possa accoglierlo nella sua pace l’Artista sommo che fa delle sue creature, redente dal suo figlio Gesù, dei pezzi unici che ben si ricompongono nella creazione nuova.

L’artista don Remo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento