Chiesa
stampa

Pasqua, l'Arcivescovo Lauro contro il "mobbing sociale"

Mons. Tisi parla di un disagio esistenziale sul quale si sorvola. "Risurrezione è l’onestà personale che ci invita a essere irreprensibili e sobri. Risurrezione è il tesoro prezioso di relazioni sociali costruite sull’ospitalità, la non violenza, la generosità, la sincerità.  Risurrezione è spendersi per una comunità".

Pasqua, l'Arcivescovo Lauro contro il "mobbing sociale"

"L’esistenza spesso, appare più come un sepolcro, piuttosto che l’habitat della vita – è un passaggio dell’omelia dell’Arcivescovo Lauro nella Domenica di Pasqua. - Da qui deriva anche quel vero mobbing sociale che giudica e incasella, emettendo su tutto e su tutti sentenze senza appello".  Mons. Tisi parla poi di  un disagio esistenziale sul quale si sorvola. "Fanno impressione - ammette Tisi - i dati sulle varie dipendenze, da cui nessuna età è esclusa". A Pasqua la Chiesa celebra il Risorto che per l'Arcivescovo abita "nel quotidiano delle persone". "Risurrezione - spiega - è l’onestà personale che ci invita a essere irreprensibili e sobri. Risurrezione è il tesoro prezioso di relazioni sociali costruite sull’ospitalità, la non violenza, la generosità, la sincerità.  Risurrezione è spendersi per una comunità." E conclude: "La Risurrezione non è solo la rivitalizzazione di un corpo morto, ma è la messa a nostra disposizione della vita di Dio che noi possiamo toccare e incontrare nella persona di Gesù".

Pasqua, l'Arcivescovo Lauro contro il "mobbing sociale"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento