Economia&lavoro

C'erano anche 252 cooperatrici e cooperatori trentini all'udienza concessa a Confcooperative (l'associazione di rappresentanza del movimento cooperativo italiano) per i 100 anni di fondazione. Sono scesi a Roma in pullman da Trento e dalle valli per incontrare Papa Francesco in Aula Paolo VI, lo scorso sabato 16 marzo, insieme ad altri 7 mila cooperatori da tutta Italia.

I nuovi progetti ferroviari sul corridoio del Brennero e il loro impatto sulla città di Trento, in particolare con il previsto interramento della linea storica e il by-pass in galleria per le merci sono stati al centro dell'incontro organizzato dalla Fondazione Negrelli, assieme all’Ordine degli Ingegneri della provincia di Trento.

Sono convinta che lavorare insieme, uomini e donne, possa produrre dei risultati più positivi per le aziende”. Lo dice con fermezza, Claudia Gasperetti, imprenditrice, responsabile del Movimento Donne Impresa dell’Associazione Artigiani del Trentino, che dà voce alle oltre 4 mila imprenditrici artigiane della Provincia.

Con l’avvicinarsi della ripresa vegetativa dei vigneti torna di attualità il problema delle erbe infestanti e degli interventi possibili per eliminarle o contenerne lo sviluppo nel sottofila e nell’interfilare. Con una limitazione in più rispetto agli anni scorsi rappresentata dalla scelta di ridurre al minimo o eliminare il ricorso a diserbanti, Glifosate in particolare. In questo contesto merita segnalazione una iniziativa dei tecnici dell’Ufficio agronomico della Cantina La Vis affidata a sette viticoltori soci della cooperativa.

Il vino viene versato nel calice; l'assaggiatore lo porta al naso per valutare l'intensità del profumo, ruota il bicchiere per coglierne la complessità e la qualità olfattiva; poi l'assaggio, rigorosamente a piccoli sorsi, per assaporarne le morbidezze e le durezze, la struttura, la persistenza; infine il giudizio complessivo sull'armonia e il carattere. Quella del sommelier è un'arte basata su un solido bagaglio di degustazioni: il palato ed i sensi vanno allenati e la conoscenza ampliata assaggiando tanti vini.

A.L.P.I. è un acronimo che sta per Avviamento al Lavoro su Progetti Individualizzati ed è proprio la persona che qui, in questi laboratori, è al centro di tutto. Persone in situazioni di svantaggio –disagio mentale, marginalità di varia origine, ex carcerati, richiedenti asilo- che si avviano a percorsi di autonomia, graduale, questa autonomia, accompagnata, supportata ma sempre nella prospettiva di rendersi per quanto possibile autosufficienti e autonomi, di poter camminare con le proprie gambe.

“L'Autostrada del Brennero non è una striscia di asfalto, ma una società complessa al servizio di Italia ed Europa, da difendere e da preservare”. E' la frase più applaudita dagli oltre 1200 presenti al Palarotari di Mezzocorona per i 60 anni della Società, a chiusura dell’intervento del presidente Luigi Olivieri.

Il contatto con la pratica tramite esercitazioni in campo, visite di istruzione e tirocini a diretto contatto con il mondo reale caratterizzava anche in passato i programmi di insegnamento dell’Istituto tecnico agrario di S. Michele. Esso è diventato parte integrante e stabile dell’attività didattica da quando nelle scuole superiori è stata introdotta l’alternanza scuola-lavoro.

Una serie di proposte per migliorare l’utilizzo dell’acqua in Val di Gresta. Non solo a scopo irriguo, ma anche per potenziare e riqualificare l’acquedotto che alimenta gli abitati di Ronzo e di Chienis.

Tre milioni e 300 mila metri cubi di legname abbattuto su 19 mila ettari di foreste trentine, 300 milioni di euro di danni: è’ il bilancio dei danni del maltempo di fine ottobre 2018, che causò anche due vittime. A ripercorrere martedì 22 gennaio nell’Aula del Consiglio provinciale di Trento quelle giornate tra fine ottobre e i primi di novembre è stato il presidente della giunta provinciale, Maurizio Fugatti.

Calliano, gennaio 2019 – Dalla terra alla terra. La prima è quella argillosa, lambita nei secoli dalle acque dell’Adige, unica per caratterizzare questo vitigno speciale. La seconda, in una cantina con venti scalini in discesa, custodisce le botti dove si affina il miglior vino trentino del 2018: il Poiema, un marzemino creato nel 2000 da Eugenio Rosi, “viticoltore artigiano”, come si definisce quest’enologo formatosi a San Michele e staccatosi dal vino industriale per battere la strada dell’artigianalità: “Per me significa non forzare mai, né in vigneto né in cantina”.

L’anno nuovo é iniziato all’insegna dell’agricoltura biologica. A livello nazionale, ma anche locale. Un disegno di legge in materia, approvato al Senato il 9 gennaio 2019, prevede l’attivazione di percorsi formativi nelle Università in tema di produzione biologica e assicura agli Enti di ricerca adeguati finanziamenti per progetti aventi per oggetto l’agricoltura biologica.

La nuova misura di contrasto alla povertà e di sostegno all'occupazione fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle, dovrebbe approdare giovedì 17 gennaio in Consiglio dei ministri per l'approvazione. La misura tanto dibattuta è stata al centro del seminario promosso dall'Università di Trento lunedì 14 gennaio, insieme alle diverse strategie di sostegno al reddito e alle politiche di contrasto alla povertà in Italia.

Il bilancio FBK del 2018 registra alcuni finanziamenti europei per i settori di nicchia dei sensori e della microelettronica..

I sindacati confederali dei pensionati contestano Il blocco della perequazione deciso in sede di Legge di stabilità perché produce danni sulla pelle dei pensionati che non possono in alcun modo essere classificati come “categoria privilegiata”.

Anche i trentini-brasiliani, i "neotrentini" di Nova Trento, Comune dello Stato di Santa Catarina fondato dagli emigrati trentini fra il 1875 e il 1892, si schierano a fianco del Trentino, dopo l'eccezionale ondata di maltempo dello scorso ottobre. Lo fanno con un Manifesto e una raccolta fondi,.

Il 2019 sarà un anno speciale per S. Michele. Si celebrerà infatti il 145° anniversario di fondazione. L’Istituto agrario provinciale con annessa Stazione sperimentale agraria è stato fondato dalla Dieta tirolese nel 1872. E’ diventato Fondazione Edmund Mach nel 2008.

Un modello turistico veloce e facile da gestire, che restituisce al turista la sincerità di un territorio. Questo si propone di essere la cosiddetta “ospitalità diffusa”, proposta giovedì scorso agli abitanti di Tenna, nella sala consiliare del comune. Non si tratta di un’idea nuova, anche se l’intuizione, in Trentino, è partita proprio dalla Valsugana, e in particolar modo da Calceranica al Lago, dove, a fine 2017, questa nuova possibilità è stata presentata alla cittadinanza.

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, accompagnato dall’assessore Achille Spinelli, ha visitato Trentino Sviluppo e i due poli tecnologici di Rovereto, Polo Meccatronica e Progetto Manifattura.

È uscito sul finire del 2018, il nuovo libro sulla vita e soprattutto sul particolare operato di don Lorenzo Guetti, dato alle stampe da Gabrielle Ba e Riccardo Pagliarini, rispettivamente fumettista e disegnatore, che in stretta collaborazione con la fondazione Don Lorenzo Guetti, hanno pensato e realizzato una pubblicazione alquanto diversa ed originale, costituita ciòè non soltanto da dati storici e da documenti d’epoca.