Economia

L’urgenza dell’ecosostenibilità come obiettivo globale e locale quest’estate è stata condivisa in luglio in un affollato evento di aggiornamento dell’Ordine giornalisti per colleghi locali e nazionali. Ed il tema era ripreso nelle stesse settimane da tre trentini – l’arcivescovo emerito Luigi Bressan, la regista Lia Giovanazzi Beltrami e - invitati a Goesan in Corea per un incontro mondiale in cui si discuteva di salvaguardia ambientale e custodia del Creato.

Puntuale come ogni tradizione ben radicata, anche quest’anno con la fine della vendemmia arriva la Festa dell’Uva di Verla di Giovo, giunta all’edizione numero 62 (dal 20 al 22 settembre). L’evento negli anni è diventato un punto di riferimento per tutta la valle di Cembra.

tSi muovono i primi decisi (e per tanti aspetti decisivi) passi per il Trentino olimpico 2026. Prime riunioni in teleconferenza tra Roma e Trento per capire il ruolo assegnato alla nostra Provincia dove si disputeranno le gare di pattinaggio velocità, a Baselga di Pinè, di fondo a Tesero e di salto con gli sci a Predazzo, per un totale di 34 appuntamenti. act.

La legge-base sulla politica degli incentivi provinciali è un cantiere aperto, sintomo di uno scontro di luoghi comuni - «questi contributi non servono», «meno male che ci sono»: tentiamo di fare un po’ di luce.

Celebrati insieme a mille clienti trent’anni di successi produttivi e commerciali. Il consorzio punta alla conquista di nuovi mercati con varietà di mele adatte alle lunghe distanze.

Un viaggio alla ricerca delle radici, per ricostruire una identità e una storia famigliare che lo scorrere delle generazioni tende a depositare nell'oblio. È una sorta di insopprimibile esigenza che anima centinaia di ragazze e ragazzi di terza e quarta generazione che ogni anno, come nella recente “Festa della emigrazione trentina” di Storo ed in altre occasioni, ritornano nella terra d'origine dei padri, degli avi: per incontrare i loro coetanei trentini e soprattutto per ritrovare passi, ricordi, luoghi da imprimere nella memoria.

Il bosco, patrimonio naturale e paesaggistico di inestimabile valore è stato gravemente danneggiato dalla tempesta “Vaia”, l'evento meteorologico straordinario che tra il 27 e il 30 ottobre 2018 si è abbattuto su tutto il Trentino f.

Si chiama “equity crowdfunding” ed è un sistema di ricerca di capitali, che unisce alle potenzialità del web la garanzia di un partner istituzionale riconosciuto.

La tempesta Vaia ha colpito duramente anche le foreste dell’Alpe Cimbra, tanto da far temere per l'avvio della stagione invernale. Il 3 agosto alle 21 a Lavarone presso il Centro Congressi e il 22 agosto alle 21 a Folgaria in piazza San Lorenzo due serata per dare voce ai protagonisti della rinascita.

Il Trentino Alto Adige si conferma un paradiso della rivoluzione elettrica con lauti incentivi, reti di ricarica capillari e possibilità di e-car condivisa. Cresce il numero di infrastrutture destinate alla ricarica delle batterie: sono oltre 5.500 le colonnine per le auto, poco più della metà quelle in funzione per le due ruote a elettroni.

Malga Coston de la Stua, 26 luglio - “Vaia è arrivata da quella parte, è rimbalzata su quel versante piombando con forza sulla costa della montagna sopra Mezzano. Poi si è divisa: ha colpito in due punti ai piedi delle Pale, da una parte, ed è risalita dall'altra, verso la val Canali”. Bisogna salire ai 1400 e rotti metri di malga Coston de Val de Stua per apprezzare appieno cosa ha significato per questo spicchio di territorio all'estremo lembo nord-orientale del Trentino la tempesta di pioggia e di vento che ha flagellato la provincia alla fine di ottobre 2018, alterando completamente le condizioni ordinarie di gestione e di mercato della risorsa forestale trentina.

Dopo le edizioni dedicate al legno e alle erbe di montagna, la terza edizione di “Natural-Mente. Tutta la natura che avete in mente” a Terzolas (sabato 3 e domenica 4 agosto ) omaggia il bosco duramente ferito dal nubifragio di fine ottobre.

I 15 esperti degli enti coinvolti hanno scelto l’ambiente creativo di Arte Sella per lanciare pochi giorni fa il documento che riassume ttre mesi di lavoro del Forum per la ricerca e l’innovazione istituito dalla Provincia autonoma di Trento e coordinato da Trentino Sviluppo, . E’ stato denominato “Carta di Rovereto” e illustrato dal dal coordinatore scientifico Emil Abirascid e dall’assesore allo sviluppo economico e ricerca  Achille Spinelli.

La rosa è sicuramente la regina dei giardini, così come il geranio è il re dei balconi. Coltivata da sola o in aiuole, a formare siepi, allevata a cespuglio, ad alberello, nana o rampicante, questa pianta regala per tutta la stagione una ubriacatura di colori , suscitando stupore per la bellezza ed il fascino dei suoi fiori.

Il rilancio da parte di Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna per condizioni particolari di autonomia oggi infiamma il dibattito politico, specie di fronte a quello che forse è il vero nodo: la redistribuzione delle risorse pubbliche per far fronte alle nuove funzioni delle tre regioni.

Filiera Solidale PEFC è l’iniziativa nata a seguito della tempesta Vaia per aiutare le zone colpite valorizzando il legname schiantato.

Oggi mancano le motivazioni economiche per riproporre il metodo di Giulio Catoni. Le tignole non sono più un problema grazie ai risultati ottenuti con la confusione che consente di realizzare un controllo quasi totale delle due specie di Tignola alle quali si è aggiunta una terza specie denominata Eulia.