Economia

Calliano, gennaio 2019 – Dalla terra alla terra. La prima è quella argillosa, lambita nei secoli dalle acque dell’Adige, unica per caratterizzare questo vitigno speciale. La seconda, in una cantina con venti scalini in discesa, custodisce le botti dove si affina il miglior vino trentino del 2018: il Poiema, un marzemino creato nel 2000 da Eugenio Rosi, “viticoltore artigiano”, come si definisce quest’enologo formatosi a San Michele e staccatosi dal vino industriale per battere la strada dell’artigianalità: “Per me significa non forzare mai, né in vigneto né in cantina”.

L’anno nuovo é iniziato all’insegna dell’agricoltura biologica. A livello nazionale, ma anche locale. Un disegno di legge in materia, approvato al Senato il 9 gennaio 2019, prevede l’attivazione di percorsi formativi nelle Università in tema di produzione biologica e assicura agli Enti di ricerca adeguati finanziamenti per progetti aventi per oggetto l’agricoltura biologica.

La nuova misura di contrasto alla povertà e di sostegno all'occupazione fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle, dovrebbe approdare giovedì 17 gennaio in Consiglio dei ministri per l'approvazione. La misura tanto dibattuta è stata al centro del seminario promosso dall'Università di Trento lunedì 14 gennaio, insieme alle diverse strategie di sostegno al reddito e alle politiche di contrasto alla povertà in Italia.

Il bilancio FBK del 2018 registra alcuni finanziamenti europei per i settori di nicchia dei sensori e della microelettronica..

I sindacati confederali dei pensionati contestano Il blocco della perequazione deciso in sede di Legge di stabilità perché produce danni sulla pelle dei pensionati che non possono in alcun modo essere classificati come “categoria privilegiata”.

Anche i trentini-brasiliani, i "neotrentini" di Nova Trento, Comune dello Stato di Santa Catarina fondato dagli emigrati trentini fra il 1875 e il 1892, si schierano a fianco del Trentino, dopo l'eccezionale ondata di maltempo dello scorso ottobre. Lo fanno con un Manifesto e una raccolta fondi,.

Il 2019 sarà un anno speciale per S. Michele. Si celebrerà infatti il 145° anniversario di fondazione. L’Istituto agrario provinciale con annessa Stazione sperimentale agraria è stato fondato dalla Dieta tirolese nel 1872. E’ diventato Fondazione Edmund Mach nel 2008.

Un modello turistico veloce e facile da gestire, che restituisce al turista la sincerità di un territorio. Questo si propone di essere la cosiddetta “ospitalità diffusa”, proposta giovedì scorso agli abitanti di Tenna, nella sala consiliare del comune. Non si tratta di un’idea nuova, anche se l’intuizione, in Trentino, è partita proprio dalla Valsugana, e in particolar modo da Calceranica al Lago, dove, a fine 2017, questa nuova possibilità è stata presentata alla cittadinanza.

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, accompagnato dall’assessore Achille Spinelli, ha visitato Trentino Sviluppo e i due poli tecnologici di Rovereto, Polo Meccatronica e Progetto Manifattura.

È uscito sul finire del 2018, il nuovo libro sulla vita e soprattutto sul particolare operato di don Lorenzo Guetti, dato alle stampe da Gabrielle Ba e Riccardo Pagliarini, rispettivamente fumettista e disegnatore, che in stretta collaborazione con la fondazione Don Lorenzo Guetti, hanno pensato e realizzato una pubblicazione alquanto diversa ed originale, costituita ciòè non soltanto da dati storici e da documenti d’epoca.

Ci sono tre questioni di fondo sulla manovra finanziaria dello Stato, che spiegano il suo tormentato iter e lo scontro che si è infiammato anche fra autorevoli economisti.

Torna di grande attualità di fronte alla prospettiva-minaccia del governo giallo-verde (Cinque stelle e Lega) di tagli all'editoria con grave pericolo per la sopravvivenza dei media più piccoli legati al territorio, e nello specifico anche dei settimanali come Vita Trentina, una lezione di storia del passato.

Alleanza delle Cooperative, File, Fisc e Uspi hanno deciso di scrivere un appello al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, chiedendo il ritiro dell'emendamento che punta ad azzerare il Fondo per il pluralismo dell’informazione.

Il paventato ridimensionamento e taglio del Fondo per il pluralismo, previsto in un emendamento all’interno della Legge di Bilancio in discussione e approvazione al Senato, allarma Alleanza delle Cooperative, File, Fisc e Uspi. il Fondo permette la sopravvivenza di tante piccole testate di informazione ben radicate nei territori. Alleanza delle Cooperative, File, Fisc e Uspi, che molte di queste realtà rappresentano, hanno deciso perciò di scrivere un appello al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Il vento di fine ottobre ha causato danni importanti non solo all'ambiente naturale, ma anche al sistema degli impianti di risalita. Gli operatori del settore turistico e delle ski aree di Folgaria e Lavarone si sono subito messi all'opera per risolvere i problemi e ripristinare le strutture, in vista dell’inizio della stagione invernale.

L’assemblea degli albergatori aderenti all’Unione Albergatori - Unat, lunedì 26 novembre, è stata l’occasione per discutere con i rappresentanti del nuovo governo provinciale - il presidente Maurizio Fugatti, l’assessore al turismo Roberto Failoni e il consigliere provinciale Ivano Iob.

A Caderzone Terme, sabato 1° dicembre dalle 16.30 a Palazzo Lodron Bertelli, con la regia dell’Università di Trento, avrà luogo un incontro fra alcuni operatori delle valli giudicariesi e alcuni relatori esperti sul tema dello “Sviluppo locale e territorio come bene comune da salvare”.

Senza l’attività di monitoraggio e prevenzione svolta dal Servizio bacini montani le conseguenze dell’evento del 29 ottobre scorso sarebbero state sicuramente ancora più gravi. Il Servizio bacini montani non si occupa più solo di opere di contenimento di fiumi e torrenti. Lo dimostra la messa a punto della Carta delle pericolosità da fenomeni alluvionali che è stata elaborata partendo da un’analisi integrata di tutte le informazioni disponibili e seguendo un approccio multidisciplinare.

E’ una formula interessante per gli anziani, affaticati dall’allungamento dell’età lavorativa, ma possono usufruirne i lavoratori di ogni età. C’è un doppio vantaggio.