Meridiani

Una crisi dalle proporzioni epocali. Un Paese alla mercé di ribelli, miliziani e islamisti. Una Chiesa che nonostante le gravi ferite rimane coraggiosamente al fianco della popolazione. Dopo la breve parentesi di serenità portata dalla visita del Santo Padre nel novembre 2015, la Repubblica Centrafricana è da mesi sprofondata in un nuovo susseguirsi di violenze.

L'Unicef, nella Giornata internazionale della donna, lancia la campagna #8marzodellebambine con un nuovo rapporto sulla situazione dell'infanzia nel mondo e con il video “Posso essere quello che voglio”. Sono 600 milioni nel mondo le ragazze che hanno la potenzialità per dare vita a importanti cambiamenti, ma ogni giorno molte di loro incontrano barriere che ostacolano questo percorso.

Un’opportunità per conoscere la realtà amazzonica – che sarà al centro del Sinodo dei vescovi ad ottobre - “da dentro” e per saperne di più sulla difesa e valorizzazione della biodiversità è data dalla mostra “Le custodi della biodersità” che si inaugura sabato 9 marzo alle 17.30 allo Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas in piazza Battisti a Trento.

Sabato 9 marzo alle 10.30 presso la Sala della Cooperazione in via Segantini a Trento per iniziativa dell’UNHCR sarà presentato il libro ”Anche Superman era un rifugiato”.

E' a a Trento per dare voce alle istanze inascoltate dei profughi siriani Abdo Elrahim Hysan, più conosciuto come Sheik Abdo, rifugiato siriano impegnato nella difesa dei diritti umani.

La mostra “Seduti intorno alla lavagna” stimola una riflessione sul diritto all’istruzione, sancito dall’articolo 26 della Dichiarazione Universale, offrendo uno sguardo globale sulla realtà della scuola e sulla qualità dell’istruzione nel mondo.

La storia recente del Venezuela sembra ripercorrere gli itinerari “classici” delle rivoluzioni sudamericane degli ultimi decenni del secolo scorso. Partita con le migliori premesse la rivoluzione bolivariana si è via via impantanata nei suoi stessi errori, tradendo le promesse.

La Corte Suprema del Pakistan ha messo la parola fine all’ingiusta condanna ai danni di Asia Bibi, la donna cristiana accusata di blasfemia nel 2009 e in seguito condannata a morte in primo e secondo grado. Martedì 29 gennaio il massimo tribunale pachistano ha respinto la petizione che chiedeva il riesame della sentenza di assoluzione.

Da giovedì 24 gennaio la rassegna "Mondovisioni" di documentari su attualità, diritti umani e informazione, curata da CineAgenzia, e proposta ogni autunno al Festival della rivista Internazionale a Ferrara, arriva in Trentino per otto serate. L’appuntamento è presso la sede del Centro per la Cooperazione Internazionale in Vicolo San Marco, 1.

La 66° Giornata Mondiale, con lo slogan #SconfiggiamoLaLebbra, si propone di diffondere la conoscenza di quello che ancora oggi è un problema sanitario importante in vari Paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina, dove persistono condizioni socio-economiche precarie che favoriscono la trasmissione della malattia. E di far conoscere le altre malattie da povertà.

Il documento della Santa Sede “Orientamenti pastorali sulla tratta di persone”, si rivolge a tutti gli operatori pastorali, a tutti i livelli, per fornire una comprensione del fenomeno ed indicare delle vie d’azione concrete..

Nel corso del 2018 le fortune dei super-ricchi sono aumentate del 12%, al ritmo di 2,5 miliardi di dollari al giorno, mentre 3,8 miliardi di persone, che costituiscono la metà più povera dell’umanità, hanno visto decrescere quel che avevano dell’11%. Il nuovo rapporto Oxfam.

“La Libia non è un paese sicuro, le soluzioni vanno trovate a terra e non sulla pelle persone”. Lo afferma l’Unicef all’indomani della morte di 170 migranti, annegati nel Mediterraneo perché tardivamente soccorsi. Tra di loro, denuncia l’Unicef, anche bambini.

Mentre questo numero va in stampa, è in corso al King Abdullah Sports City Stadium di Gedda, in Arabia Saudita, il confronto valido per la Supercoppa italiana 2018. Contestata la scelta della Fgci di giocare nel Paese del regime saudita.

Luigi De Liberali è un missionario salesiano quasi settantenne. E’ stato tanti anni in Brasile e da circa un decennio percorre le strade polverose dell’Angola. Spazi amplissimi, sterminati. Villaggi e piccoli agglomerati dispersi nella savana...

Ci sono luoghi che nell’immaginario collettivo assurgono a simbolo di un’epoca. La città di Prijedor nella repubblica serba di Bosnia rappresenta il fulcro delle contraddizioni della nostra travagliata epoca, tesa al superamento dei confini in un’Europa unita ma nel contempo travagliata da guerre etniche e attraversata da fenomeni di sovranismo.