Meridiani
stampa

La Libia è nel caos, non si fermano le partenze dei migranti

Altre stragi nel Mediterraneo

“La Libia non è un paese sicuro, le soluzioni vanno trovate a terra e non sulla pelle persone”. Lo afferma l’Unicef all’indomani della morte di 170 migranti, annegati nel Mediterraneo perché tardivamente soccorsi. Tra di loro, denuncia l’Unicef, anche bambini.

Parole chiave: naufragio (4), Mediterraneo (51), migrazioni (974)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito