Meridiani
stampa

La donna pakistana cristiana accusata di blasfemia

Asia Bibi, la Corte Suprema conferma l'assoluzione

La Corte Suprema del Pakistan ha messo la parola fine all’ingiusta condanna ai danni di Asia Bibi, la donna cristiana accusata di blasfemia nel 2009 e in seguito condannata a morte in primo e secondo grado. Martedì 29 gennaio il massimo tribunale pachistano ha respinto la petizione che chiedeva il riesame della sentenza di assoluzione.

Parole chiave: Asia Bibi (2), blasfemia (3), Pakistan (25), cristianesimo (137), minoranze (251)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito