Meridiani
stampa

L’attacco di un “suprematista bianco” a due moschee con armi automatiche

Nuova Zelanda, strage di fedeli musulmani

Cinquanta vittime e 48 feriti è il bilancio dell’attacco a due moschee della città di Christchurch, in Nuova Zelanda, da parte del 28enne suprematista australiano Brenton Tarrant. Su unimondo.org Giorgio Beretta, analista dell’Osservatorio permanente sulle armi leggere – Opal, analizza gli elementi che accomunano questa con diverse stragi in America e in Europa.

Parole chiave: armi (120), islam (115), razzismo (95), strage (18), Nuova Zelanda (2)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito