Politica&Società
stampa

1 maggio, al centro la sicurezza sul lavoro

Ieri la festa organizzata a Villazzano da Cgil, Cisl e Uil. Ianeselli: "Serve tenere alta l'attenzione. La qualità del lavoro è ancora scarsa". 

1 maggio, al centro la sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro: è il tema al centro della festa dei lavoratori, che si è celebrata ieri 1 maggio anche in Trentino, organizzata quest’anno a Villazzano da Cgil, Cisl e Uil.

"L'allarme sulla sicurezza non riguarda solo le situazioni limite - ha detto Walter Alotti della Uil -. L'aumento della precarizzazione del lavoro e l'estensione dei subappalti e del dumping contrattuale provocano un pericoloso abbassamento della soglia della sicurezza sul lavoro così come l'allungamento della vita lavorativa". "Il problema della sicurezza - ha aggiunto Franco Ianeselli della Cgil - è anche il sentimento che alberga in molte famiglie dove si è perso il lavoro o si vive nella paura di perderlo per la precarietà". Ha dunque sottolineato anche la necessità di supportare i lavoratori e le lavoratrici che devono affrontare gli effetti dell’innovazione tecnologica. “Se non vogliamo che Industry 4.0 si traduca nella precarizzazione e nell’emarginazione degli operatori più deboli dobbiamo puntare sulla formazione permanente, un diritto che deve essere per tutti”.

Lorenzo Pomini della Cisl ha commentato gli ultimi dati sulle elezioni delle rsu nel pubblico impiego: "È stato un importante momento di democrazia e partecipazione".
La festa è proseguita nel pomeriggio con musica e giochi per i più piccoli.

Ascolta l'audio

1 maggio, al centro la sicurezza sul lavoro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento