Politica&Società
stampa

Un percorso sviluppato dall’Azienda sanitaria

Giornata disabilità, parte il servizio Dama

Giornata disabilità, parte il servizio "Dama" per favorire l’accesso alle cure

Da novembre l'accesso alle cure sanitarie è più facile per tutti, anche per le persone con disabilità cognitiva, con autismo o con altre difficoltà comunicative o relazionali. Un obiettivo importante di umanizzazione delle cure reso possibile grazie a Dama.

Parole chiave: Territorio (19852)

Si lancia nella sanità trentina una via preferenziale per favorire l’accesso dei disabili alle cure

Il servizio DAMA

Da novembre l'accesso alle cure sanitarie è più facile per tutti, anche per le persone con disabilità cognitiva, con autismo o con altre difficoltà comunicative o relazionali. Un obiettivo importante di umanizzazione delle cure reso possibile grazie a Dama, percorso sviluppato dall'Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari in collaborazione con Anffas Trentino Onlus. Dama (sigla inglese di Disabled Advanced Medical Assistance) è stato illustrato martedì scorso in conferenza stampa alla presenza dell'Assessore provinciale alla salute Stefania Segnana, del Presidente di Anffas Trentino Luciano Enderle, di Paolo Bordon e Michela Monterosso rispettivamente Direttore generale e medico del Servizio governance clinica dell'Azienda sanitaria trentina.

La partenza di Dama a Trento, servizio nato nel 2000 all'Ospedale San Paolo di Milano e ora diffuso in diverse parti d'Italia, rappresenta un'ottima notizia giunta pochi giorni prima della 38^Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, istituita dall'Assemblea Generale dell'Onu il 3 dicembre del 1981.

Ma a chi si rivolge Dama? Al servizio possono accedere solo i maggiorenni con bisogni sanitari complessi e non urgenti, tramite apposita prescrizione del medico curante. Per le urgenze basta invece rivolgersi al Pronto Soccorso dove viene subito attivato il codice argento: una via preferenziale che permette ai genitori o agli assistenti domiciliari di essere presenti durante la visita e di abbreviare i tempi di attesa.

Per attivare il servizio, ancora i famigliari, gli assistenti domiciliari o dove possibile le stesse persone con disabilità, possono contattare il numero verde 800 199 773 attivo il martedì e il giovedì, dalle 10 alle 12. A questo numero risponde un gruppo di volontari Anffas con esperienza sanitaria e apposita formazione. In seguito alla chiamata il personale del Dama, che ha una sede fisica a Trento nel Reparto di Reumatologia dell'Ospedale Santa Chiara, valutata la complessità della richiesta, prenota l'eventuale prestazione o organizza, in regime di ricovero diurno e in maniera coordinata, le consulenze specialistiche e gli accertamenti diagnostici necessari.

“Lo scopo di questa iniziativa – commenta Mariella Gottardi - medico, consigliera di Anfass Trentino e soprattutto mamma di una ragazza 'disabile' - è quello di mitigare il più possibile la fatica e il disagio di portare un figlio in ospedale il quale oltre ad avere la disabilità sta anche male fisicamente”. Infatti questi pazienti soffrono due volte: per la malattia organica e per la difficoltà di comunicare agli altri come si sentono. “Allora ci si augura – conclude Gottardi - che Dama garantisca un accesso alle cure il più sereno possibile attraverso spazi e tempi adeguati”.

Soddisfazione è stata espressa anche dall'assessore Segnana: ”Siamo orgogliosi di aver portato anche nel nostro territorio un’esperienza così innovativa».

In tema disabilità c'è però un'altra novità importante: la possibilità di prevedere fra i titoli di preferenza da presentare nei concorsi pubblici anche l'essere genitore di una persona con handicap. La nuova regola è stata introdotta con un emendamento alla prossima finanziaria, recentemente presentato in Prima Commissione consiliare sempre dall'Assessore alla salute provinciale.

Tra le varie iniziative realizzate in Trento per la Giornata internazionale spicca martedì 3 dicembre il programma del Muse, che durante la giornata favorirà l’accesso dei disabili ai vari laboratori. Ospite d’eccezione la scrittrice Susanna Tamaro.

Giornata disabilità, parte il servizio "Dama" per favorire l’accesso alle cure
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento