Politica&Società
stampa

La testimonianza della giornalista Asmae Dachan al confronto promosso dalla Fnsi con l'Associazione stampa del Trentino - Alto Adige/Sudtirol

In guerra l’informazione è la prima vittima

Tra le testimonianze ascoltate a Trento nell'incontro promosso dal sindacato dei giornalisti in vista della Giornata internazionale della liberà di stampa (3 maggio), toccante quella di Asmae Dachan, brillante giornalista e scrittrice italiana d’origine siriana,  sulle difficoltà di fare giornalismo in un contesto di guerra.

Parole chiave: Asmae Dachan (1), Siria (137), mass media (213), giornalismo (182)
Trento - Asmae Dachan, giornalista e scrittrice italiana d’origine siriana, illumina la tragedia siriana con il suo blog diariodisiria.com. - 02/0...

Trento - Asmae Dachan, giornalista e scrittrice italiana d’origine siriana, illumina la tragedia siriana con il suo blog diariodisiria.com. - 02/04/2019 -

Sulle difficoltà di fare giornalismo in un contesto di guerra ha portato la sua testimonianza Asmae Dachan, brillante giornalista e scrittrice italiana d’origine siriana (la famiglia era di Aleppo) che continua a illuminare la tragedia siriana, anche ora che è scomparsa dalle prime pagine, scrivendo per importanti testate nazionali, come Avvenire, e sul suo blog diariodisiria.com. A Trento Asmae Dachan ha ricordato che, dall’inizio della guerra, in Siria sono stati uccisi 689 giornalisti e 52 operatori dell’informazione sono stati uccisi sotto tortura nelle carceri del regime: colleghi come Raed Fares, fondatore di Radio Fresh, ucciso dai terroristi dell’HTS; Alì Othman, ucciso in detenzione in un carcere del regime; James Foley, sequestrato e ucciso da Daesh (Isis).

Libertà di stampa: un concetto molto distante dalla Siria di oggi?

Purtroppo sì. E non solo dalla Siria, ma da molti altri Paesi. E’ importante parlare di Siria e dare voce a tanti colleghi che nonostante tutto si impegnano a bucare il muro della censura e della propaganda, spesso anche a scapito della vita.

Che giudizio dà dell’informazione prodotta in Italia sulla Siria?

Ci sono giornalisti che con grande coraggio sono andati in Siria e hanno coperto il conflitto durante le sue fasi più critiche. Il problema è che alcune zone del Paese non sono raggiungibili.

Una voce che arriva in Italia è quella dei profughi siriani, arrivati con i corridoi umanitari.

La presenza dei profughi ci ricorda che in Siria c’è un conflitto che va avanti da oltre otto anni, che ci sono 13 milioni di Siriani che non hanno più una casa (6 milioni e mezzo sono sfollati interni e 6 milioni e mezzo sono profughi). Le loro testimonianze ci ricordano che la questione siriana, anche quando non ha più la prima pagina, è purtroppo ancora aperta. Occorre ringraziare la Comunità di Sant’Egidio, la Tavola valdese e la Federazione delle Chiese evangeliche che hanno intrapreso questa iniziativa.

Nel buco nero siriano è finito anche il gesuita padre Paolo Dall’Oglio. Lei che idea si è fatta?

Avevamo sperato con le notizie che arrivavano da Baghouz, ultima sacca di resistenza dell’Isis in Siria. Continuiamo a sperare che sia ancora vivo. Padre Paolo è una voce importante – voglio parlare di lui al presente -, vicina ai Siriani: li ha capiti e ha costruito un ponte tra cristiani e musulmani come mai nessuno prima.

In guerra l’informazione è la prima vittima
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento