Politica&Società
stampa

Ultima fermata Srebrenica, il viaggio dei giovani nella terra del conflitto

Partiti nel tardo pomeriggio del 27 ottobre, hanno attraversato in pullman i Balcani, passando per Mostar, Sarajevo, Srebrenica e Tuzla. Oggi sono rientrati in Trentino

Ultima fermata Srebrenica, il viaggio dei giovani nella terra del conflitto

Rientrano oggi dalla Bosnia Erzegovina i 55 giovani del Trentino-Alto Adige, che hanno partecipato al progetto “Ultima fermata Srebrenica”. Partiti nel tardo pomeriggio del 27 ottobre, hanno attraversato in pullman i Balcani, passando per Mostar, Sarajevo, Srebrenica e Tuzla, luoghi simbolo della guerra del Balcani degli anni Novanta.

Il progetto, promosso dalla Provincia autonoma di Trento e di Bolzano nell'ambito della collaborazione tra i due enti, è organizzato e curato dalla società cooperativa sociale Altrimondi di Bolzano, in collaborazione con Arci del Trentino, Punto Europa, Arciragazzi Bolzano, Teatro Zappa e Deina.

"Il viaggio - ha detto l'assessora provinciale Sara Ferrari - ha permesso al gruppo di visitare luoghi simbolo del conflitto bosniaco, ascoltare il racconto di testimoni che quella guerra l'hanno vissuta sulla propria pelle, vedere i segni sul territorio ancora visibili, come sulle vite delle persone".

Sentiamo Andrea La Malfa, referente dell'Arci del Trentino. (ascolta qui sotto)

Ascoltiamo la testimonianza di Veronica, 19enne studentessa di Trento. (ascolta qui sotto)

Ascolta l'audio

Ultima fermata Srebrenica, il viaggio dei giovani nella terra del conflitto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento