Fatti e opinioni

stampa

La nota politica di Paolo Pombeni, docente all'Università di Bologna, storico e politologo.

La nota politica di Paolo Pombeni, docente all'Università di Bologna, storico e politologo.

Bossi ha intuito l'occasione buona e col fiuto che lo contraddistingue ci si è buttato. La sua abilità è consistita nel proporre temi che non lasciavano spazio agli altri, né alla maggioranza né all'opposizione.

La politica si prepara ad andare in ferie: il bilancio è vario, dipende più che mai dai punti di vista. Infatti il governo Berlusconi è riuscito a portare a casa l'approvazione di vari provvedimenti a cui teneva: al prezzo di strozzare il dibattito parlamentare...

Con encomiabile pazienza Giorgio Napolitano continua nel suo tentativo di ridurre alla ragione una politica poco disposta ad ascoltarlo. Poiché è un uomo politico di lunga esperienza...

L'appello del Presidente Napolitano a non disperdere i frutti della tregua nelle polemiche tra governo ed opposizione è stato accolto in un modo strano. Lasciamo perdere il solito Di Pietro...

Mancando una vera questione chiave risolvibile in tempi non troppo lunghi, il vertice faticherà a trovare un punto centrale su cui far calamitare i lavori e grazie al quale trasmettere ai popoli del mondo un messaggio chiaro.

L'appello del Capo dello Stato ad una tregua nella polemica politica in occasione del G8 non è cosa né di ordinaria amministrazione né di poco conto.

Cominciamo a ragionare sul referendum. Una affluenza che supera di poco il 20% non si spiega né con l’accettazione dell’invito all’astensione...

Non ci fossero già abbastanza problemi nella politica italiana, ecco che adesso è arrivata la teoria del “complotto” contro il governo.

L'attesa per il responso delle urne è stata molto alta, e alla fine il responso non è venuto: nessuno può dire oggi con ragionevole certezza dove si vada indirizzando il punto di coagulo del consenso politico.

La politica è bloccata dalla scadenza elettorale e le polemiche legate alle vicende del premier non migliorano certo la situazione, perché l'esito delle urne finisce per assumere un significato di referendum pro o contro Berlusconi...

La situazione politica è impaludata nelle polemiche, mentre il paese avrebbe bisogno di azioni che facciano fronte ai nostri problemi strutturali. Berlusconi, che pure inizialmente sembrava avere colto questa domanda (rifiuti di Napoli, terremoto) e che su questo aveva costruito un robusto consenso, è oggi prigioniero del peggior pettegolezzo...

Mentre si preparano le giornate elettorali la cronaca politica raccoglie più veleni che proposte.

La politica sta prendendo una brutta piega come secondo taluni è inevitabile in fase pre-elettorale...

Giustamente l'attenzione la scorsa settimana è stata monopolizzata dalla iniziativa di Berlusconi di partecipare alle celebrazioni del 25 aprile...

La politica della routine si riprende i suoi spazi. A dettare l'agenda sono le prossime elezioni ormai molto vicine.