Orto & Giardino

stampa

La forsizia è un arbusto che dona ai giardini una ventata di primavera e di colore. E’ una pianta rustica, robusta e di semplice coltivazione. Si adatta a tutti i suoli, in posizione bel illuminata e soleggiata. Richiede poche cure.

Se vi capita di passare per strada e sentire forte un profumo intenso, quasi inebriante, percepibile anche a distanza, significa che vicino cresce una pianta di calicanto fiorita.

Nel periodo natalizio e in quello che segue due piante stupiscono per le fioriture in pieno inverno. Stiamo parlando di bucaneve e campanellino.

La cannella è una delle spezie più ricercate dalla farmacopea e dagli chef in cucina. Fa la parte del leone durante le feste perché base per aromatizzare bevande e dolci tipici della stagione.

Il colore delle bacche del vischio è diverso a seconda della specie che ospita questo emiparassita vegetale.

La fluidità del miele dipende dalla proporzione tra glucosio e fruttosio e la tendenza a cristallizzare più o meno rapidamente. Maggiore è il contenuto di glucosio, maggiore e più rapida è la cristallizzazione.

Un uso diverso delle cotogne da quello in cucina è quello di uso come profumatori naturali, dentro gli armadi di casa, al pari della lavanda.

Le melagrane vanno raccolte quando sono ben mature e prima che la grossa buccia si spacchi e faccia intravvedere i frutti. Per capirlo è sufficiente conoscere il colore della varietà, a buccia rossa classica, o gialla o striata.

L’olivo è una pianta mediterranea che ben si addice alla coltivazione in vaso. Le foglie con punte secche, scure o accartocciate, sono importanti indicatori di salute. Le cause più comuni sono gli stress idrici.

Il melograno è sempre più piantato nei giardini, non solo per la sua funzione decorativa (bellezza della sua vegetazione), ma anche per la sua funzione produttiva, vale a dire per i suoi vistosi grossi frutti..

Settembre può regalare ancora tante soddisfazioni in giardino. Molte piante salgono nuovamente a fiore: rudbeckia, ibisco, passiflora, clematis, salvie. Tra tutte però l’echinacea pare non avere rivali.

Quest’anno la cimice asiatica sta creando dei seri problemi agli agricoltori che si vedono uva e mele gravemente infestate  e danneggiate da questo insetto alieno. L’Halymorpha halys sta aggredendo pesantemente anche gli orti predando ogni ortaggio, fagioli e pomodori per primi.

Da settembre a tutto novembre si possono scorgere in molti giardini e angoli di orti vistose bordure di “Settembrini”. Il nome volgare corrisponde a quello degli Astri che in latino significa “stella” come ricorda la forma del fiore.

Una novità interessante di oggi che va sostenuta e diffusa è la trasformazione dell’orto tradizionale in orto-giardino. Gli ortaggi ed i fiori, infatti, insieme a qualche pianta da frutto (mele, pesche, susine, ecc.) possono costituire un originale motivo decorativo.

Le zucchine sono colture dette “da rinnovo” per cui necessitano di terreno fresco e molto fertile, lavorato in profondità, senza sollevare terra cruda.

Qualora si intenda rivestire una parete o una recinzione per ornamento o per tenere lontano dalla vista gli estranei bisogna scegliere il rampicante giusto che sviluppandosi in senso verticale e autonomamente, creerà una scenografia di grande effetto.