Orto & Giardino
stampa

Orto&Giardino

Sostegni alle rampicanti

Le piante rampicanti hanno ramificazioni lunghe e flessibili e hanno quindi bisogno di sostegni per espandersi in alto.

Parole chiave: agricoltura (2209)
Vite americana (foto G. Michelon)

Vite americana (foto G. Michelon)

SOSTEGNI ALLE RAMPICANTI. Le piante rampicanti hanno ramificazioni lunghe e flessibili e hanno quindi bisogno di sostegni per espandersi in alto. Molte specie(edera) sono dotate di radici aeree che consentono loro di attaccarsi in autonomia a qualsiasi sostengo mentre altre hanno bisogno di essere “accompagnate” o legate a tutori vari. Queste piante (lonicera ipomea, boignonia) si possono allevare in forme diverse. Normalmente a sostenerle è una parete, una colonna, un pergolato. Per sostenere le piante volubili (gelsomino) si aggrappano a cavi, paletti, fili di nylon tesi, recinzioni e staccionate. Il glicine si avvolge naturalmente a reti, colonne, ecc. Ci sono piante dotate di viticci (vite americana, clematide, passiflora) con i quali si aggrappano a qualsiasi sostegno, cavi, reti metalliche o tralicci di legno.

COEFFICIENTE ISOUMICO? COS’È?  E’ la percentuale di sostanza organica del fertilizzante trasformata in humus dagli insetti terricoli. Nell’ambito dello stesso tipo di fertilizzante (vari tipi di letame o compost) la resa in humus varia in funzione della sua composizione chimica e del suo rado di maturazione; Un esempio pratico: quando letame o compost hanno subito un corretto compostaggio ed hanno una colorazione scura, odore gradevole e consistenza tipica del terriccio, non più i materiali di partenza non sono più evidenziabili il loro coefficiente iso-umico può arrivare al 40-50%. Per il letame bovino, equino e ovino tale coefficiente medio è del 35%. L’erbaio per sovescio arriva al massimo al 20%. Se ne deduce che più alto è il coefficiente del compostato maturo maggiore è la resa in humus.

SALUTARE RUCOLA. La rucola è una verdura da foglia che ha conquistato un posto di prestigio soprattutto sulle tavole dei vegetariani, ma la troviamo anche come insaporitrice in molti piatti e decorativa sulle pizze dette appunto “alla rucola”. Ha un sapore aromatico amarognolo e delicato, foglie ampie e tenere, Cresce rigogliosa in tutti i terreni purché siano fertili e soffici, privi di ristagni. Si semina da febbraio all’autunno. Si può coltivare in luogo riparato e sotto serra nella stagione fredda.  Larucola ricaccia per cui recidendo appena sopra il colletto e fertilizzando si possono avere più tagli. Una rucola particolare è la rucola selvatica che ha foglie strette, frastagliate e croccanti. Il gusto è però forte e piccante per cui non a tutti è gradita. La rucola è pianta è perenne.

Sostegni alle rampicanti
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento