Visti per voi

stampa

Per tenere traccia del momento storico che stiamo vivendo, la Fondazione ha ideato inoltre la campagna #facciamomemoria, con cui chiede di inviare video, audio, fotografie o un diario, in cui si racconta dei cambiamenti avvenuti nella propria vita quotidiana, nelle relazioni con i parenti e gli amici, nel modo di lavorare e di studiare.

Luoghi comuni. Dare spazio a territori e nazioni, spesso dimenticati dal circuito dell'informazione televisiva e non.

Obiettivi ambiziosi per Tg3 Mondo, il settimanale del Tg3 sull'attualità internazionale, curato da Oliviero Bergamini, trasmesso il sabato e la domenica dopo le 23 su Rai3.

Tutti i mercoledì alle 21.30 TV8 accende i riflettori sul palco di Italia’s Got Talent, che festeggia dieci anni senza accusare contraccolpi da cambi di rete e cast.

La struttura è semplice: ogni concorrente ha a disposizione cento secondi per esprimere il suo talento, che varia dalla danza al canto, dall’imitazione alla magia, dalla ginnastica alla performance comica, in un caleidoscopio che cambia velocemente prospettiva.

La costruzione perfetta del girato non toglie la spontanea capacità di stupire di ogni performance: si sorride, a volte si ride di gusto, ci si commuove e si prova ammirazione.

La guerra è finita, nell’Italia liberata il destino fa incontrare Davide, partigiano alla ricerca della moglie e del figlio deportati, Giulia, psicopedagogista che ha studiato lontano dal conflitto, Ben, ex ufficiale della Brigata ebraica, e un gruppo di bambini e ragazzi rimasti soli dopo la devastante esperienza dei campi di concentramento.

In un casale abbandonato nella campagna emiliana, la piccola comunità dovrà imparare giorno dopo giorno a fare i conti con i ricordi e a ritrovare la voglia di vivere, giocare, studiare, lavorare e amare.

C’era curiosità negli spettatori trentini per l’esito dell’annunciata diretta di Tv 2000, la televisione della Conferenza Episcopale Italiana, dal santuario di San Romedio in occasione del pellegrinaggio annuale nella mattinata del 15 gennaio.

Sono passati vent'anni dal primo episodio e con la dodicesima stagione, in prima serata su RaiUno da giovedì 9 gennaio, Don Matteo è la serie più longeva della Lux Vide e la più popolare della tv italiana.

La fiction ruota attorno alla figura di un parroco, che intreccia la cura delle anime ad un notevole fiuto investigativo con cui aiuta nelle indagini l’amico Nino Cecchini, maresciallo dei carabinieri, nonostante non sia visto di buon occhio dal capitano di turno. Una canonica sempre aperta a giovani in difficoltà e le vicende sentimentali e familiari dei protagonisti completano il quadro di un racconto che spesso sembra scontato e che pure coinvolge lo spettatore.

“E vissero felici e contenti”, il programma che History Lab (il canale tematico curato dalla Fondazione Museo storico del Trentino) propone in varie fasce della giornata: protagonisti sono appunto due anziani coniugi – seduti nel salotto di casa – ai quali è stato chiesto di ripercorrere la loro vita famigliare.

Non è raro che la nostra città sia protagonista di un servizio televisivo. Diverso è però il racconto che ne ha fatto Edoardo Camurri nella puntata di Provincia Capitale, in onda lo scorso 10 novembre.

Merita di essere vista, Pezzi Unici, la nuova serie di sei puntate trasmessa in prima serata su Rai 1 fino al 22 dicembre. Una fiction che fa capire come nella vita i maestri siano essenziali.

La fiction ambientata in un reparto di neuropsichiatria mette al centro le dinamiche relazionale nel gruppo di giovani pazienti.

Cosa significa dare vita ad una famiglia se non costruire qualcosa insieme incamminandosi su un sentiero nuovo, scoprendone ogni giorno contenuto e senso?

Il 22 novembre sarà presente chef Federico Parolari, del ristorante Osteria Le Due Spade di Trento, che delizierà i palati partendo con un primo piatto a base di tagliolini al nero di seppia con coregone e broccolo di Torbole, per proseguire con un secondo costituito da salmerino in tortel di patate con emulsione al Trento DOC e terminare in dolcezza con strudel di mele del Trentino destrutturato.

Prendete venti ragazze e ragazzi tra i 13 e i 17 anni, togliete loro cellulari, trucchi e merendine, rivestiteli con un'uniforme e rinchiudeteli per quattro settimane in un collegio sfidandoli a conseguire la licenza media di un tempo che fu. Partito due anni fa, Il collegio si è ritagliato una nicchia nel decadente mondo dei reality.