Salute
stampa

Assistenza anziani, si estende l'Icef per i servizi

Dopo assistenza domiciliare, pasti e teleassistenza, dal 1 gennaio 2017 l'Icef riguarderà anche prestazioni dei centri diurni e dei centri servizi

Assistenza anziani, si estende l'Icef per i servizi

Assistenza anziani. Prestazioni dei centri diurni (presenza, pasto e trasporto) e quelle dei centri servizi, limitatamente ai livelli essenziali (bagno e doccia assistiti e trasporto): sono questi gli interventi di sostegno alla domiciliarità per i quali verrà introdotto, a partire dal 1° gennaio 2017, l'indicatore Icef per calcolare la compartecipazione ai costi. Lo ha stabilito la Giunta provinciale. "Lo scorso anno è stato introdotta in via sperimentale l'utilizzo dell'Icef per il calcolo della compartecipazione su tre interventi di sostegno: assistenza domiciliare, pasti a domicilio e tele assistenza – ha detto l’assessore alla salute Luca Zeni. - I primi riscontri hanno dato esito positivo, dimostrando l'adeguatezza del nuovo modello di calcolo. Proprio per questo abbiamo deciso di estendere l'indicatore Icef anche ad altri interventi sempre nell'ambito dell'assistenza domiciliare rivolta agli anziani".

Con Icef inferiore a 0,13 (che convenzionalmente rappresenta la "soglia di povertà") si applica la quota minima, con Icef uguale o superiore a 0,40 si applica la quota massima, con Icef compreso fra 0,13 e 0,40 si applica una quota che varia proporzionalmente.

Assistenza anziani, si estende l'Icef per i servizi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento