Salute
stampa

Don Ivan Maffeis a TV2000

“Non consegniamoci all'isolamento”

Il sottosegretario della Cei, don Ivan Maffeis, in un’intervista a Tv2000, interviene sulle conseguenze del coronavirus Covid-19 e esprime un ringraziamento a chi opera in prima linea: infermieri, operatori sanitari, medici.

Parole chiave: coronavirus (71), Ivan Maffeis (8), Tv2000 (3), Cei (161)

“Il virus divide, allontana, ci porta ad isolarci. Accettiamolo come provocazione e richiamo perché troppe volte la nostra vita quotidiana si rassegna alle divisioni, alle rotture nelle relazioni e nei rapporti. E appartenere alla Chiesa dice proprio il contrario rispetto all’isolamento”. Lo afferma il sottosegretario della Cei, il trentino don Ivan Maffeis, in un’intervista a Tv2000, trasmessa mercoledì 4 marzo e ripresa dal sito di Avvenire.

“Il pensiero in questi giorni – ha detto ancora don Maffeis – va a chi è stato colpito dal virus e ai loro familiari, ma anche alle tante persone che con generosità, eroismo e nel silenzio si spendono. Penso soprattutto agli infermieri, agli operatori sanitari, ai medici. A chi è in frontiera e in prima linea. A chi non si rassegna a lasciare le persone né in balìa del virus né della paura. A tutte queste persone dobbiamo essere riconoscenti”.

“Non consegniamoci all'isolamento”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento