Salute
stampa

Not, braccio di ferro tra Provincia e Comune di Trento

Piazza Dante vorrebbe spostare la struttura a Mattarello. Palazzo Thun è contrario: prima serve una documentazione precisa. Intanto ad oggi l'opera è bloccata

Not, braccio di ferro tra Provincia e Comune di Trento

Braccio di ferro tra Provincia e Comune di Trento sulla futura localizzazione del Not, il Nuovo ospedale trentino. Piazza Dante vorrebbe spostarlo da via al Desert a Trento, come previsto nel progetto iniziale, a Mattarello, nell’area dove sarebbero dovute essere realizzate le caserme. Il motivo dello spostamento del futuro ospedale sarebbe di natura economica. A Mattarello sarebbero minori i costi per la modifica della viabilità; inoltre non sarebbe necessario costruire l’area per gli elicotteri, in quanto la zona è vicina all’aeroporto.

Il Comune di Trento ribadisce, invece, per il momento la propria posizione di contrarietà allo spostamento dell’opera e chiede alla Provincia una documentazione completa sull’ipotesi di modifica, con il dettaglio del progetto e degli effettivi risparmi in termini economici.

Intanto ad oggi la realizzazione del Not è sospesa, dopo che lo scorso anno il Consiglio di stato ha annullato l’esito della gara, per irregolarità nella commissione giudicatrice. Sul futuro del Nuovo ospedale pesano anche le richieste di risarcimento alla Provincia avanzate dalle quattro cordate che avevano partecipato alla gara per l’assegnazione dei lavori.

Not, braccio di ferro tra Provincia e Comune di Trento
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento