Salute
stampa

Ospedale di Cavalese, sindaci: "No alla chiusura del punto nascite"

Oggi i rappresentanti della comunità di Fiemme e Fassa iincontrano l'assessore Zeni. A fronte della mancanza di peditari, il destino del punto nascita è appeso ad un filo. Testor: "E' fondamentale per le nostre comunità, così lontante dalla città"

Ospedale di Cavalese, sindaci: "No alla chiusura del punto nascite"

Sanità. “Il punto nascite deve essere garantito in valli così distanti dalla città”. I sindaci delle valli di Fiemme e Fassa sono compatti nel ribadire la necessità di mantenere in vita il punto nascite dell’ospedale di Cavalese, a rischio chiusura dopo il rifiuto di quasi tutti i pediatri contattati dall’Azienda sanitaria di prestare servizio nell’nosocomio fiemmese.

Dopo la decisione di chiudere i punti nascita di Arco e Tione, un anno fa il Ministero aveva concesso una deroga a Cles e Cavalese, nonostante non raggiungessero il numero minimo di 500 parti all’anno. A Cles nel 2016 i parti sono stati 461, mentre a Cavalese 80. Compito dell’Azienda sanitaria era trovare il personale necessario per garantire il servizio 24 ore su 24. Ma ad oggi mancano i pediatri.

Il destino del punto nascita sembra, dunque, appeso ad un filo.

Questo pomeriggio i rappresentanti delle comunità incontreranno l’assessore alla sanità della Provincia Luca Zeni.

Sentiamo la procuradora della Val di Fassa Elena Testor. (ascolta qui sotto)

Ascolta l'audio

Ospedale di Cavalese, sindaci: "No alla chiusura del punto nascite"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento