Pezzi da 90

Questo primo numero di "Vita Trentina" è dedicato ai 90 anni del settimanale, che saranno festeggiati proprio nel 2016. Il settimanale di informazione della Diocesi di Trento nasceva infatti il 23 dicembre 1926 e in questo numero propone le le testimonianze di sette novantenni trentini, una carrellata di anniversari del 2016, un racconto di Sergio Artini e un curioso confronto a distanza tra il 1926 e il 2016, Anno della misericordia.

Per entrare in questo appassionante 2016, che segna anche il novantesimo del nostro settimanale, abbiamo raccolto le voci di sette novantenni trentini, alzando un po' la media rispetto al monito della sapienza biblica: “I giorni dei nostri anni arrivano a settant'anni; per i più forti, a ottant'anni; e quel che ne fa l'orgoglio, non è che travaglio e vanità;perché passa presto, e noi ce ne voliam via”.

Il 4° centenario della morte del drammaturgo inglese William Shakespeare e il 1° della nascita di Aldo Moro e della Teoria della Relatività generale di Albert Einstein, ma anche i 50 anni dall’alluvione del 4 novembre 1966 e i 60 dalla morte del drammaturgo tedesco Bertold Brecht: sono questi i principali anniversari che ricorderemo nel 2016, anno dedicato dalle Nazioni Unite, su proposta della FAO, ai Legumi.

Ad agosto fari puntati su Rio de Janeiro dove si svolge la trentunesima edizione dei Giochi Olimpici, per la prima volta organizzati da una città sudamericana. Cerimonia d'apertura (5 agosto) e di chiusura (21 agosto,) al Maracanã.

Il Giubileo lanciato da Papa Francesco valorizza i momenti forti dell'anno liturgico. Alcuni eventi particolari e le attese della nostra Chiesa per un nuovo pastore.

Dopo l'apertura della “Porta della Misericordia”, da parte dell’Arcivescovo Luigi Bressan circa mille persone sono entrate sabato scorso in Duomo dopo un pellegrinaggio giubilare per le vie della città avviato dal Punto d’Incontro di via Travai.

Il 22 gennaio 1926 Alcide De Gasperi, ormai emarginato dal regime fascista da ogni partecipazione alla vita politica nazionale, abbandonava la guida del “Il Nuovo Trentino”. Lo avrebbe sostituito il collaboratore e amico don Giulio Delugan, che un mese dopo la chiusura forzata del quotidiano diventava direttore di “Vita Trentina”.

Il primo numero di Vita Trentina. Era il dicembre 1926.

A Lavarone, l’Albergo Nazionale e una della famiglie Bertoldi, quella di Mario detto “Mato”, sono abbonati al nostro settimanale dal 1926

E' un traguardo prestigioso, quello raggiunto dal Coro della Sosat, che nel 2016 festeggia i 90 anni di fondazione.

La quinta edizione del concerto di Natale del Coro della Sosat, promosso in collaborazione con il settimanale Vita Trentina e radio Trentino inBlu, ha richiamato una grande e composta assemblea.

"Ritorno alle origini", ultima fresca incisione del Coro della Sosat, già nel titolo esprime la sua filosofia.

Narciso “Ciccio” Franzoi racconta la sua vita nel mondo del pallone: “Sempre presente, anche fuori dal campo, per costruire il gruppo”.

Narciso Franzoi esordisce nel 1945 con la Juventina, per poi passare dal 1946 al 1950 nelle file del Trento.

Abbiamo incontrato nella sua abitazione in via dei Grezoni nella zona collinare di Trento Bruno Fronza, che ha dedicato la vita alla politica e agli emigrati trentini.

In via Belenzani la signora Mosna ha “trascinato” con entusiasmo la vita del Centro Anziani. Il suo elisir di serenità.

L'alpinista roveretano compie gli anni il prossimo 6 gennaio: “Ogni giorno ringrazio Dio per quanto mi dona”.

Mentre intervistiamo monsignor Ettore Facchinelli, 90 anni compiuti il 4 dicembre, il telefono squilla diverse volte: l'anziano sacerdote risponde con gentilezza. Il novantenne è molto orgoglioso della sua vita spesa per la Chiesa e per il prossimo.

Cinquant'anni di matrimonio “davvero felici”, anche se resta indelebile il ricordo della guerra: “Mi mandarono in campo di concentramento ma riuscìì a scappare”

Padre Livio Passalacqua: 90 anni, gesuita, occhio vispo al futuro.

Fatti e avvenimenti notevoli del 1926 in Trentino.

Nella chiesa del Santissimo Sacramento di Trento una lapide commemorativa del 5 maggio 1956 richiama due importanti eventi: la consacrazione della chiesa e la celebrazione del Primo Congresso Eucaristico diocesano.

Il 6 dicembre 1926 la Venezia Tridentina viene divisa in due Province: Trento e Bolzano. Lo storico Armando Vadagnini si sofferma sulla nascita della Provincia di Bolzano.

Gli anni Venti del secolo scorso sono segnati dalla volontà di riavviare l'economia, dopo la ricostruzione post bellica. In Trentino grandi società idroelettrica costruiscono dighe e centrali.

- Buon giorno. Avrei bisogno di un suo racconto per la mia rivista! — chiede il giornalista all’uomo sdraiato sulla panchina del parco quasi deserto nel freddo del mattino.