Valli

Anche per la vita delle lingue parlate e scritte come per quella delle persone, ci sono lunghi periodi di apparente tranquillità, dove ogni cosa sembra seguire strade già percorse, tra paesaggi consueti e le solite cose, magari verso un lento ed inesorabile declino dovuto alla caducità di ogni esistere. Soprattutto le lingue piccole, come quelle delle minoranze etniche, a volte sembrano destinate ad evaporare quasi senza dolore, travolte da parlate internazionali, così utili al vivere quotidiano, ma che non rappresentano nulla; nessuna cultura le sostiene, nessun legame le stringe a chi le parla, sono solo un complesso insieme di parole ad uso dei grandi magazzini e degli aeroporti, sono solo delle non lingue. Le lingue piccole, al contrario, sono terra e sangue, mente e viscere dei loro parlanti, privare un cimbro del suo idioma è un’amputazione dolorosa come lo sono tutte le amputazioni. Il tran tran quotidiano a volte però trova accelerazioni improvvise, scarti repentini come fanno i selvatici in fuga.

Soggiorno marino a Cattolica con 108 soci; quattro giorni a Roma l'incontro con Papa Francesco; attività di solidarietà, come la distribuzione in sede, con la Caritas, di prodotti alimentari alle persone bisognose o la gestione dei 92 orti (che potrebbero diventare di più con il nuovo blocco previsto nei pressi del parco Giarete);attività settimanale del coro Edera e del gruppo di lavoro con devoluzione del ricavato delle offerte alle popolazioni della Sardegna colpite dalle recenti alluvioni. Questa la sintesi dell'attività 2013 del Circolo Comunale pensionati e anziani di Pergine, nato nel 1983 per iniziative di Lina Morelli, eletta prima presidente, cui nel 1994 è succeduta Carmen Osler Oss Emer, che è ancora alla testa del gruppo che conta oltre 500 soci. Tra le aspettative del 2014, confermate dal sindaco, la sistemazione della cucina e la copertura dei campi di bocce alla sede di via Canopi.

Quanti volti ha la storia e la cultura di una comunità? Alcuni di essi son stati ben raccontati, esplorati e studiati; altri invece sono ancora raggomitolati e per certi versi oscuri. Da fine febbraio fino ad aprile, a cadenza settimanale, c’è la possibilità di indagare su uno dei principali “gomitoli” della storia e cultura primierotta: quello che riguarda la religiosità.

L'amministrazione comunale lavisana ha preso letteralmente “il toro per le corna” e ha inviato a tutte le famiglie e agli amministratori economici del comune un invito quasi perentorio per poter risolvere, insieme, la “fame” di parcheggi che da tempo attanaglia non solo la borgata ma l'intero territorio del comune lavisano.

Bilancio positivo dei primi quattro mesi di attività del nuovo Teatro Comunale di Pergine. Sono circa 30.000 le persone che hanno seguito i diversi spettacoli di prosa, musica, cinema. Soddisfatto il direttore artistico Denis Fontanari che coordina l'attività dell'Associazione “ariaTeatro” che a luglio dello scorso anno aveva acquisito la gestione della struttura (costata quasi 14 milioni di euro) per tre anni. Negli obiettivi per l'immediato futuro c'è il raddoppio della proposte di prosa (sono 20 nella stagione corrente) e l'offerta di un'articolata programmazione di proposte musicali dirette ai più diversi fruitori .

Tema: l'organizzazione del sistema turistico trentino, la crisi, l'obbligo di inseguire i mercati emergenti. Si parte da un dato: in barba alla crisi, aumenti a doppia cifra in quasi tutte le mete turistiche trentine nella prima parte di stagione. Ben oltre il pressoché scontato tutto esaurito sotto le feste e pure con l'eccezione dell'ultimo scorcio segnato pesantemente dal maltempo. Lo dicono i primi numeri ufficiali, lo conferma il viaggio inchiesta a puntate di radio Trentino inBlu.

L’Associazione degli ucraini in Trentino “Rasom” ha voluto prendere posizione e denunciare la grave situazione che si sta determinando in questi giorni nel loro Paese. Le proteste di piazza a Kiev e in altre città ucraine e la continua pressione dei russi per evitare l’adesione dell’Ucraina all’Unione europea in realtà sono un sintomo del panorama complessivo caratterizzato da notevoli e persistenti violazioni dei diritti umani fondamentali.

Nonostante la crisi e il caro benzina, il fascino della montagna trentina esercita ancora un forte richiamo. Grazie al tempo favorevole di queste ultime settimane, il Ferragosto ha registrato una buona presenza di turisti nelle principali località del Trentino.

Nei comuni di Frassilongo e Fierozzo sono stati aperti i due nuovi agritur e ristoranti realizzati in quota sul versante sinistro della Valle dei Mòcheni nei pressi della suggestiva località “Paun van Spitz” sopra Kamauz (comune di Frassilongo) e dei “Prati Imperiali” (Kaserbisn) nel territorio di Fierozzo. Le due strutture “Van Spitz” e “Kaserbisn Hitt”, dalle caratteristiche similari e dalle notevoli potenzialità (sino ad ora mai completamente espresse) sono state realizzate grazie ad un importante contributo provinciale (oltre 4 milioni di euro) per il rilancio e l'avvio del complesso “Bersntol Sky”, una rete di oltre 30 chilometri di piste da fondo, sentieri e percorsi dedicati a “ciaspole”, mountain-bike e uscite a cavallo nel cuore del Lagorai.