Valli
stampa

Carisolo

Monica Maestri, assessora a Carisolo: “Di gentilezza, c'è sempre bisogno”

Quando il sindaco di Carisolo Arturo Povinelli l’ha convocata in Municipio per apporre una firma a un generico “documento”, Monica Maestri, consigliera comunale con delega alle foreste, mai si sarebbe aspettata di firmare la propria accettazione per un’altra delega, quella alla “gentilezza”. Giovane mamma di 33 anni con un bimbo di 11 mesi, fa parte del Soccorso Alpino, lavora al Parco Naturale Adamello Brenta e pratica sci alpinismo a livello agonistico.

Parole chiave: gentilezza (1), consigliera (2), Territorio (19782)

Un paese tranquillo, con buone relazioni, ma di gentilezza e di iniziative in nome di questo idioma, non ce ne sono mai abbastanza. Nasce così la delega alla giovane consigliera Monica Maestri

Monica Maestri, consigliera comunale con delega alle foreste, pratica sci alpinismo a livello agonistico (foto Thomas Martini)

Monica Maestri, consigliera comunale con delega alle foreste, pratica sci alpinismo a livello agonistico (foto Thomas Martini)

Quando il sindaco di Carisolo Arturo Povinelli l’ha convocata in municipio per apporre una firma a un generico “documento”, Monica Maestri, consigliera comunale con delega alle foreste, mai si sarebbe aspettata di firmare la propria accettazione per un’altra delega, quella alla “gentilezza”. Giovane mamma di 33 anni con un bimbo di 11 mesi, fa parte del Soccorso Alpino, lavora al Parco Naturale Adamello Brenta e pratica sci alpinismo a livello agonistico.

Monica, ha accettato volentieri questo incarico?

“Entusiasticamente, perché a monte di questa iniziativa c’è una rete con questa delega, che propone buone pratiche per la comunità, una opportunità preziosa nelle quale ho sempre creduto. E che si scambia esperienze. Certo non avrei mai pensato di finire al centro delle cronache – dichiara con po’ di ritrosia – mi hanno chiamato anche settimanali nazionali, ma mi sembra tutto sproporzionato”.

Ma quali sono i compiti di un consigliere, o un assessore con delega alla gentilezza?

“Le faccio qualche esempio: organizziamo la festa degli anziani, con la donazione della legna insieme alla scuola primaria e alla materna di Carisolo, oppure ho proposto prima del Natale un incontro del Comune con tutte le associazioni del paese. In primavera, sempre con le scuole, organizzo la festa degli alberi. Piccole cose, segnali, di attenzione, di presenza, ma importanti per una comunità”.

Come hanno appreso la notizia gli amici i familiari?

“Le persone che mi sono vicine benissimo, ma qualcuno che ha un po’ irriso la cosa c’è stato, della serie: pare proprio una delega inutile. Mi piacerebbe fare due chiacchiere con queste persone, incontrarle e spiegare loro che non sono in cerca di visibilità, se con le persone ci parli, dedichi del tempo e sei disponibile, spesso i dissidi si stemperano, magari ognuno rimane della propria idea, ma l’importante è che ci si rispetti”.

Il rispetto, appunto. Un termine che sembra caduto in disuso, in particolar modo sui social network, creando un clima sociale perennemente conflittuale...

“Non capisco davvero coloro che si accalorano sui social arrivando all’insulto, alla mancanza di rispetto e di misura nei commenti. A che cosa serve tutto questo, che cosa porta concretamente, se non a sentimenti negativi, a un clima di conflittualità permanente? Sarà che sono abituata da sempre ad occuparmi di cose veramente utili, che possono portare vantaggio alla comunità, a mobilitarmi sempre e comunque quando c’è bisogno di aiuto”.

Monica Maestri, assessora a Carisolo: “Di gentilezza, c'è sempre bisogno”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Non sei abilitato alla visualizzaizone del commento.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento