Pag 27: Non e Sole
stampa

Adamello-Brenta

A volte ritornano

“Al lupo, al lupo”, il grido impaurito, ma d'allarme falso, è sostituito, in questi giorni da un più benevole e soddisfatto “il lupo, il lupo”. Le orme di un grosso canide, fotografate e inviate per i relativi accertamenti con campioni di urina all'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale di Bologna hanno avuto un riscontro positivo. La conferma è dei giorni scorsi.

Il 13 aprile scorso il personale di sorveglianza del Parco Adamello Brenta, impegnato in operazioni di monitoraggio faunistico, aveva rinvenuto un'anomala pista sulla neve, nel Brenta nord-orientale. Le tracce, insolite per un buon osservatore, non portavano ad un cane randagio, ma piuttosto ad un suo simile, forse un lupo. La zona era isolata nel contesto del parco, lontana dagli abitati, da qui il “fiuto” per un approfondimento ben premiato.

Parole chiave: animali (130), lupo (39), Territorio (20127), biodiversità (66)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito