Pag 30: Dialogo aperto
stampa

Periscopio

La gara a chi sa essere più duro

Credevo che le gare a chi sa essere più nerboruto e capace di piegare gli altri alla resa fosse ormai un fenomeno da baraccone, ma devo ricredermi perché sta diventando prassi politica. E il braccio di ferro si sta giocando sulla pelle dei nomadi rom. Lo spettacolo, voluto dal presidente Sarkozy, è incominciato in Francia giovedì scorso con la deportazione forzata di 89 Rom. é proseguito sabato con 139 e continuerà imperterrito per raggiungere entro la fine di agosto il record di 850 soggetti. Ha reagito il Consiglio d'Europa che ha individuato nello sgombero dei campi rom e susseguenti deportazioni il rischio di un ritorno ad “atteggiamenti razzisti e xenofobi”. Come ha reagito il Vaticano, per bocca dell'arcivescovo Marchetto, segretario del Pontificio consiglio per i migranti, che ha ribadito l'ordinamento europeo contrario alle espulsioni collettive. Ma il ministro del governo francese, Eric Bresson, ha dichiarato che “in materia di immigrazione non accettiamo lezioni da nessuno”.

Parole chiave: razzismo (95), migrazioni (1017), politica (1742), diritti (699)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito