Pag 38: Dialogo aperto
stampa

Periscopio

La fiera delle omissioni

C'è un distico nell'atto penitenziale all'inizio della messa in cui si confessa di “aver molto peccato in pensieri, parole, opere ed omissioni”. Ed è sulle omissioni che voglio soffermarmi, commentando il Meeting di Comunione e Liberazione celebrato a Rimini la settimana scorsa. Si può far del male con i pensieri, le parole e le opere, ma anche con il non pensare, non parlare, non operare. Spesso anzi sono proprio le omissioni che con il loro silenzio urlano e rivelano il modo effettivo di pensare, di dire e di agire. Un mio vecchio professore così commentava le risposte lacunose: “Queste lacune mi rivelano un mondo”.

Parole chiave: lavoro (1058), movimenti (221), migrazioni (1014), politica (1742), Chiesa (6381), diritti (698)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito