Pag 38: Dialogo aperto
stampa

Periscopio

Quell'ombra è un fratello

C'è un apologo tibetano-buddista che narra: “Ho visto un'ombra in mezzo alla foresta e ho avuto paura perché cerdevo che fosse una belva feroce. Mi sono avvicinato e ho visto che era un uomo. Mi sono avvicinato ancora di più e ho visto che era un fratello”. Questo apologo è adottato da Federico Schiavon, già direttore della pastorale dei Rom e dei Sinti della Fondazione Migrantes, per descrivere la situazione degli zingari ultimamente espulsi in massa nella Francia di Sarkozy, ma anche dal ministro degli Interni italiano, Maroni. Ci si ferma alla prima impressione. I Rom sono ombre che possono costituire una minaccia. Nei loro confronti esiste solo il “pacchetto sicurezza”, che prevede sgomberi ed espulsioni. Ha incominciato Sarkozy e unici in Europa ad applaudire sono stati Berlusconi e Maroni, aggiungendo che l'Italia sarebbe stata ancora più dura.

Parole chiave: razzismo (95), minoranze (255), migrazioni (1025), società (1225)

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito